Condividi

Tari a Taormina: hotel vogliono l’abbattimento, Comune apre al confronto

mercoledì 9 Febbraio 2022
hotel

Il vento della crisi soffia ancora forte anche su Taormina e dopo un biennio di fatturato (quasi) zero gli albergatori chiedono all’Amministrazione comunale di rivedere le pretese sul pagamento della Tari (tassa sui rifiuti). La casa municipale ha avviato le procedure per le notifiche ma gli operatori dell’industria dell’ospitalità chiedono ai vertici di Palazzo dei Giurati di ridurre le proprie pretese e venire incontro alle difficoltà delle aziende del turismo, provate dal crollo delle presenze che a Taormina è stato del 74% nel 2020 e poi del 65% nel 2021. Le parti potrebbero presto trovarsi a confronto, anche perché nel frattempo alcune strutture alberghiere si dicono già pronte a presentare ricorsi per opporsi alla richiesta di pagamento che in qualche caso riguarda strutture che neanche hanno aperto nella stagione estiva 2020 (nell’anno del lockdown per la pandemia).

“Chiediamo al Comune di agevolarci sulle rate Tari – ha dichiarato il presidente dell’Associazione Albergatori di Taormina, Gerardo Schuler -. La legge nazionale prevede in modo chiaro che l’imposta di soggiorno possa essere utilizzata anche per un aiuto alle aziende turistiche e Taormina ha avuto un pesante calo delle presenze a causa della pandemia con una conseguente riduzione molto pesante dei fatturati per le aziende del settore turistico-ricettivo. La realtà è sotto gli occhi di tutti, stiamo soffrendo e abbiamo bisogno di essere sostenuti, per questo chiediamo al Comune di venire incontro alle legittime richieste della nostra categoria”.

L’Amministrazione comunale apre ad un confronto ma il sindaco Mario Bolognari ritiene che, in sostanza, non ci si possa discostare da quanto già deliberato nei mesi scorsi dal Consiglio comunale. “C’è una legge e noi a quella ci dobbiamo uniformare – afferma il sindaco -. La normativa vigente prevede che tutto ciò che viene speso per il servizio di raccolta rifiuti deve poi essere incassato, il Comune ha degli obblighi ben precisi. Certamente c’è anche la possibilità di andare incontro agli albergatori e a tutte le imprese turistiche c’è da parte del Comune, cercando di capire cosa si può fare ma non possiamo disattendere gli obblighi normativi ai quali siamo chiamati ad ottemperare. Dobbiamo fare i conti con attenzione ed operare entro certi limiti”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia, Dipasquale (Pd): “Fronte compatto contro il governo Schifani” CLICCA PER IL VIDEO

Due volte sindaco di Ragusa e deputato regionale del Pd, all’Ars dal 2012, Nello Dipasquale, è ospite questa settimana a Bar Sicilia.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.