Condividi

Teatro Bastardo, al via la rassegna con lo spettacolo “L’Asta del Santo” | VIDEO

martedì 6 Novembre 2018

Guarda il video in alto 

Al via la quarta edizione del Festival Teatro Bastardo con “L’Asta del Santo“, mercoledì 7 alle ore 21 al Teatro Biondo, in Sala Strehler, della compagnia toscana Gli Omini, un mercante in fiera sulle vite dei santi.

Questo  spettacolo-non spettacolo sulle vite dei santi è un gioco di acuta ironia, esilarante e allo stesso tempo delicata, che coinvolge il pubblico e lo fa giocare sul serio, è un esperimento nella direzione della “crisi” del teatro e della nascita di nuove forme di espressione e di significati che il Festival Teatro Bastardo prova a far emergere nella sua ricerca.

Lo sapevate che Sant’Antonio da Padova era di Lisbona? E che Santa Barbara è il nomignolo degli esplosivi perché suo babbo morì fulminato subito dopo averla decapitata? Sapete a chi chiedere aiuto in caso di geloni? E chi è il patrono dei rosticcieri? E sapete il perché? E che spesso i perché sono fuori dalla grazia di Dio?”.

Teatro Bastardo Omini

L’Asta del Santo, in breve, non può essere spiegato ma intreccia storie esemplari, santi veri e santi improbabili e sembra non avere copione, ma solo un mazzo di carte, proprio come quelle del mercante in fiera ma con con le vite dei Santi ripensate e ridisegnate dai Fratelli Zacchini.

Più di quaranta carte per altrettanti santi, ad ogni carta corrisponde la straordinaria vita di un santo, c’è di tutto: vite sovrannaturali, morti truci, peripezie e superpoteri.

Al pubblico vengono distribuite fiches in modo iniquo, casuale, senza criterio. Con quei soldi, e quanti siano, “dipende dal santo culo”, si possono comprare i Santi.

Al termine di ogni vita raccontata si aprono le offerte: tre sono i premi finali e tre i vincitori tra il pubblico, vero protagonista delle sorti della serata.

Un’esperienza che non lascerà indifferenti gli spettatori e che prevede, oltre il divertimento, l’obbligo di “prestare il fianco” a pene corporali, improvvisazioni e all’ironia dissacrante degli Omini.

La compagnia toscana è nata nel 2006 con il primo obiettivo di “far avvicinare le persone al teatro e di far nascere il teatro dalle persone”.

Spesso la costruzione degli spettacoli è il risultato di settimane di indagine territoriale e interviste condotte un po’ come un’inchiesta antropologica vecchio stile. Dal 2014 è compagnia residente all’Associazione Teatrale Pistoiese; Premio Enriquez, nel 2014, come “Compagnia d’innovazione” per la ricerca drammaturgica e l’impegno civile; vince il Premio Rete Critica, nel 2015, come miglior compagnia dell’anno.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.