Condividi

Termoutilizzatori in Sicilia, ok di Musumeci: ecco dove sorgeranno

sabato 23 Aprile 2022
rifiuti discarica
Compactor in landfill

“Il nucleo di valutazione ha completato il suo lavoro e ha verbalizzato l’idoneità di due progetti per termovalorizzatori, uno per la Sicilia occidentale (647 milioni) e uno per la Sicilia orientale (poco meno di 400 milioni)”. A dirlo, il Presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci.

Il prossimo passo sarà quello di predisporre due bandi che segua la procedura del project financing e che richiederà ancora il coinvolgimento dei privati. “Stiamo lavorando – ha continuato il Governatore – perché siamo convinti che sia questa la soluzione insieme alla raccolta differenziata. Così ci liberiamo della schiavitù delle discariche dei rifiuti”.

Nello Musumeci

Gli impianti di smaltimento dell’ indifferenziata dovrebbero sorgere nell’area industriale di Gela a Piana del Signore e in quella di Catania, a Pantano d’Arci, quartiere della città etnea. Secondo alcune indiscrezioni giornalistiche, ad avere la meglio sarebbero stati i progetti presentati, nel primo caso da Asja ambiente- Kinetics technology spa e Technimont spa e , nel secondo caso da A2A, Ambiente spa, ” TermoKimik corporation impianti e procedimenti industriali spa” e Acciaierie di Sicilia spa. Anche se al bando potrà partecipare chiunque, a questi colossi dovrebbe essere garantito un diritto di prelazione che, a parità di offerta, aggiudicherà la concessione triennale in cambio della realizzazione delle opere.

Fino al 2026 dunque i rifiuti siciliani indifferenziati continueranno a essere conferiti in discarica nell’attesa che vengano completati tutti gli step della procedura (progettazione esecutiva, VIA -Valutazione di Impatto Ambientale, costruzione). L’impianto di Pantano d’Arci, dovrà costare meno di 400 milioni e sarà una struttura a griglia mobile che trasforma l’immondizia in energia e calore mentre, quello di Gela avrà un valore di circa 647 milioni di euro e produrrà metanolo, idrogeno e syngas. In tutto si parla di un piano da circa un miliardo di euro.

Su quest’ultimo punto, vale la pena ricordare un precedente comunicato di Asja spa che, due mesi fa smentiva categoricamente l’ipotesi di un termovalorizzatore a Bellolampo a Palermo. Una dichiarazione che oggi troverebbe il suo seguito nella scelta di assegnare al polo di Gela, la trasformazione dei rifiuti provenienti dalla Sicilia occidentale. Nello specifico, si leggeva che “Quanto alla procedura della Regione Siciliana relativa a due termoutilizzatori, Asja, in associazione con il Gruppo Maire Tecnimont, ha proposto un progetto per un impianto di trattamento – senza combustione – dei rifiuti non differenziabili per la produzione di idrogeno, metanolo ed etanolo, da realizzarsi in un’area industriale già insediata che non ricade nel Comune di Palermo”. La scelta di Gela quale luogo per la costruzione dell’impianto in cui dovrebbero essere conferiti i rifiuti della Sicilia occidentale (Caltanissetta, Agrigento, Trapani e Palermo), sembrerebbe dunque confermare questa intenzione mentre, per le restanti province, si farebbe riferimento all’impianto etneo.

Una volta a regime, ciascun impianto potrà trattare tra le 300.000 e le 450.000 tonnellate di rifiuti. “Siamo convinti – continua Musumeci – che sia questa la soluzione assieme all’aumento della raccolta differenziata. Tutto quello che rimane indifferenziato va nel termoutilizzatore, che produce per altro energia, e così ci liberiamo della schiavitù delle discariche ” .

 

 

 

 

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.