Condividi

Un milione e mezzo di euro a cento aziende agricole siciliane del D.O.S.E.S. per marketing e sviluppo

martedì 12 Luglio 2022

Le cento aziende del Distretto Orticolo Sud Est Sicilia, sono dislocate in 18 comuni di cinque province: realizzeranno nuove infrastrutture digitali, acquisteranno mezzi, trattrici e strumenti colturali per abbattere i costi e migliorare la produttività.

Le aziende del D.O.S.E.S. (Distretto Orticolo Sud Est Sicilia) sono state inserite nella graduatoria del “Cluster in Sicilia” che ha previsto dei fondi per consorzi, cooperative e reti di imprese dei Distretti produttivi siciliani. Il Doses potrà usufruire del finanziamento previsto dall’Azione 1.3.1 “Sostegno alla competitività delle imprese siciliane a valere sul POC Sicilia 2014/2020 e sull’anticipazione FSC 2021/2027”.

La Regione siciliana finanzierà il 90% del costo del progetto mentre, il 10 per cento sarà a  carico delle aziende del Distretto.

I progetti finanziati, che saranno realizzati nell’arco di due anni, permetteranno un salto di qualità alle cento imprese agricole del Distretto, che si trovano nei territori di 18 comuni, in cinque province siciliane: Ragusa, Catania, Siracusa, Caltanissetta, Agrigento. L’intera progettazione è stata curata da un gruppo di lavoro guidato da Eleonora Valenti.

È previsto un patto di sviluppo territoriale con nuove infrastrutture digitali. Si realizzeranno investimenti di marketing e azioni commerciali, attività di internazionalizzazione. È previsto anche un sistema di tracciabilità della filiera mediante tecnologia blockchain.

Un fiore all’occhiello sarà la realizzazione di piattaforme logistiche con servizi specialistici annessi. Le aziende del Distretto potranno acquistare mezzi e tecnologia che sarà a disposizione di tutti gli associati, realizzando così un’economia di scala nella gestione dei costi aziendali e, al contempo, migliorando la qualità degli interventi tecnologici nelle aziende. Si acquisteranno dei mezzi agricoli destinati all’utilizzo collettivo: trattrici, camion, case mobili per l’eventuale alloggio temporaneo degli operai in azienda.  In questo modo, si ridurranno i costi di gestione e si renderanno più efficienti le pratiche colturali.

Negli spazi comuni delle piattaforme logistiche i produttori potranno anche usufruire di spazi magazzino per i propri mezzi, per i materiali e i fitofarmaci, garantendo la sicurezza grazie ad un efficiente sistema di vigilanza.

Per il miglioramento della commercializzazione è prevista anche la creazione di marchi di filiera  tramite un “disciplinare tecnico di processo” (DTP) che permetterà di identificare la produzione del distretto, con regole e tecniche colturali comuni e certificate.

Uno sguardo importante sarà sulla legalità perché si svilupperanno azioni comuni per il contrasto al caporalato, al lavoro nero, all’illegalità nel sistema di reclutamento e per garantire equi compensi e diritti dei lavoratori.

In uno step successivo sarà prevista la realizzazione di un centro per lo stoccaggio della biomassa agricola e per il conferimento degli scarti di agricoltura.

Gianni Polizzi

“Si aprono prospettive nuove e importanti per le aziende del Distretto – ha detto il direttore del Doses, Gianni Polizzi il finanziamento permetterà di migliorare la produzione, ridurre i costi di gestione e aprire nuove prospettive di sviluppo commerciale. L’acquisto e l’utilizzo di mezzi comuni permetterà di abbattere i costi di gestione. Organizzeremo al meglio il marketing delle aziende, con studi di mercato e con la partecipazione a fiere. Avremo anche un marchio che permetterà di identificare e lanciare i nostri prodotti, tutti accomunati da un disciplinare di produzione molto dettagliato”.

Antonio Cassarino

Per il presidente Antonio Cassarino, “il Doses sta apprendo una strada importante che può permettere di migliorare la competitività delle imprese. L’obiettivo è la collaborazione tra le aziende. La condivisione di mezzi e strumenti è un metodo innovativo: si potranno anche creare nuovi posti di lavoro. I centri per la logistica, con la condivisione di mezzi agricoli e anche degli spazi magazzino per ciascuna azienda, permetteranno di rendere più efficiente il sistema di conduzione dell’attività agricola”.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, differenziata: il futuro di Rap tra porta a porta e raccolta di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Traghettare Palermo verso il futuro attraverso una nuova visione della raccolta differenziata dei rifiuti. È l’obiettivo di Rap, l’azienda partecipata del Comune, rappresentata dall’amministratore unico, l’ingegnere Girolamo Caruso

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.