Condividi

Vaccini anti-Covid, vi facciamo vedere cosa c’è nelle scatole inviate dalla Pfizer | VIDEO

giovedì 10 Dicembre 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Il video illustra il contenuto del box dei vaccini Pfizer, durante la presentazione del 2 dicembre nello stato di New York dove il governatore Andrew M. Cuomo, presso il Senato ha annunciato come lo stato newyorkese riceverà le prime consegne di dosi.

La quantità di vaccino per il Covid-19 consegnato basterà per 170 mila newyorkesi, se l’efficacia sarà garantita dallo stato federale, questo riceverà i vaccini creati da Pfizer il 15 dicembre. Lo stato di New York aspetta comunque ulteriori assegnazioni di vaccino da Pfizer e Moderna verso la fine del mese.

Una dimostrazione, che svela come saranno confezionati i vaccini all’interno delle scatole di arrivo.

Come saranno confezionate e trasportate le dosi di Vaccino anti Sars-Cov2 

Per le dosi di vaccino anti Covid-19 è stato messo a punto un sistema innovativo di confezionamento e stoccaggio, sulla base delle quantità necessarie per ogni luogo a cui saranno destinati. Per garantire il mantenimento della qualità durante il trasporto nei vari paesi è stato progettato appositamente un sistema di spedizione termico a temperatura controllata.

“Abbiamo appositamente progettato spedizionieri termici a temperatura controllata che utilizzano ghiaccio secco per mantenere le condizioni di temperatura di stoccaggio raccomandate di -70 °C ± 10 °C fino a 10 giorni senza essere aperti. – ha spiegato l’azienda Pfizer nel proprio sito ufficiale – L’intento è quello di utilizzare i partner di trasporto strategici di Pfizer per spedire per via aerea ai principali hub all’interno di un paese/regione e tramite trasporto via terra alle località di dosaggio”.

Come è possibile vedere anche dal video saranno utilizzati dei sensori GPS che serviranno all’azienda per monitorare sia lo spostamento sul territorio che la temperatura dei vaccini, lungo i percorsi predisposti. Sette giorni su sette, H24. In modo da contrastare e prevenire qualsiasi deviazione del contenuto e agire tempestivamente.

Una volta ricevuto il vaccino ogni punto riceverà il contenuto spedito dall’azienda, i vaccini dovranno essere conservati secondo particolari indicazioni per il loro mantenimento.

L’azienda infatti sul sito ufficiale elenca tre tipi di opzione di conservazione:

Congelatori a bassissima temperatura, disponibili in commercio e che possono prolungare la durata di conservazione fino a sei mesi.

I caricatori termici Pfizer, in cui arriveranno le dosi, che possono essere utilizzate come unità di stoccaggio temporaneo riempiendo con ghiaccio secco ogni cinque giorni per un massimo di 30 giorni di stoccaggio.

Unità di refrigerazione comunemente disponibili negli ospedali. Il vaccino può essere conservato per cinque giorni in condizioni refrigerate a 2-8 °C.

Dopo la conservazione per un massimo di 30 giorni nello spedizioniere termico Pfizer, – si legge nel sito dell’azienda- i centri di vaccinazione possono trasferire le fiale a condizioni di conservazione a 2-8 °C per altri cinque giorni, per un totale massimo di 35 giorni. Una volta scongelate e conservate a 2-8 °C, le fiale non possono essere ricongelate o conservate in condizioni congelate. Le varie opzioni di stoccaggio presso il POU consentono un accesso equo al vaccino Pfizer in aree con infrastrutture diverse”.

Durante la fase iniziale di distribuzione attraverso i contatti con i governi, i vaccini verranno forniti in base al canale stabilito e ai luoghi scelti per la vaccinazione i quali sono soggetti a autorizzazione e approvazione normativa. I punti di vaccinazione varieranno ma potrebbero includere ospedali, cliniche ambulatoriali, luoghi di vaccinazione della comunità e farmacie.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Cateno De Luca si racconta a Donna Sarina: “Sono andato nell’aldilà e sono tornato” CLICCA PER IL VIDEO

Ospite della prima puntata del format web de ilsicilia.it “Donna Sarina” è Cateno De Luca, ex sindaco di Messina e leader dell’opposizione

BarSicilia

Bar Sicilia, Pagana e le sfide del suo assessorato. “Chiarezza su CTS, parchi, balneari e Arpa. FdI? In atto confronto costruttivo” CLICCA PER IL VIDEO

Elena Pagana, assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, è l’ospite della puntata numero 225 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, Pagana ha parlato della Cts, del futuro dei Parchi siciliani, di Arpa, balneari e, in quanto dirigente di Fratelli d’Italia, ha fatto il punto sullo stato di salute del partito guidato…

La Buona Salute

La Buona Salute 61° puntata: Cancer Center

La 61^ puntata de La Buona Salute è dedicata al Cancer Center presso l’ARNAS Garibaldi di Catania, con nuovi spazi e tecnologia all’avanguardia per migliorare le prestazioni per i pazienti oncologici

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.