Condividi

Vertenza Ksm: si temono scioperi e disagi negli aeroporti di Palermo e Trapani

domenica 10 Giugno 2018
ksm

E’ incandescente la situazione tra le guardie giurate addette ai controlli e l’azienda per la quale lavorano, la Ksm, che gestisce il servizio di vigilanza e controllo presso gli aeroporti di Palermo Punta Raisi, Falcone e Borsellino, e di Trapani Birgi, Vincenzo Florio. In entrambi il personale è sul piede di guerra, pronto a ricorrere allo sciopero e a tutte le forme di protesta possibili per ottenere alcune indennità previste sulla base di accordi pregressi e che da qualche mese la società, in maniera unilaterale, non ha più riconosciuto. Il rischio, quindi, che l’operatività dei due scali possa essere fortemente compromessa è molto alto. Un pericolo da scongiurare soprattutto con l’avvio della stagione estiva. Per questo la Prefettura ha ritenuto opportuno convocare per mercoledì 13 giugno un vertice tra la Ksm e le organizzazioni sindacali nel tentativo di comporre la frattura e riportare tutto alla normalità.

La vertenza si trascina ormai da qualche settimana e già ha avuto, in diverse occasioni, ripercussioni negative per i passeggeri. “Accogliamo la convocazione della Prefettura, speranzosi che Ksm possa tornare indietro dalle scelte spregiudicate e unilaterali”, dichiarano Monja Caiolo e Salvo Leonardi segretari generali della Filcams Cgil Palermo e Sicilia. “I tagli delle indennità alle GPG sono tradotti in tagli di pezzi di salario non indifferenti – aggiungono – le indennità sono frutto di accordi passati che il sindacato aveva contrattato. Siamo molto preoccupati soprattutto in ambito aeroportuale dove la particolarità del servizio e del sito operativo richiedono massima attenzione anche per l’intera sicurezza nazionale, la perdita di salario, per una guardia giurata è superiore alle 200 euro mensili, in una media di stipendio poco superiore ai 1000 euro”.

La Filcams Cgil richiama anche l’attenzione della società che gestisce lo scalo di Palermo. “Nelle scorse settimane – concludono – abbiamo chiesto l’intervento della Gesap nella qualità di committente del servizio senza alcun riscontro. Senza una soluzione positiva dopo il tavolo prefettizio saremo costretti a proseguire la vertenza con il blocco del lavoro straordinario e la proclamazione di uno sciopero”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.