Condividi
L'operazione

Vittoria (RG), sequestrati ottocentomila euro di beni per bancarotta: tre gli indagati

giovedì 7 Marzo 2024

Le Fiamme gialle del comando provinciale di Ragusa, coordinate dalla Procura iblea, hanno eseguito un sequestro preventivo di beni e disponibilità finanziarie per oltre 800.000 euro nei confronti di un’azienda operante nel commercio all’ingrosso di prodotti ortofrutticoli.

Nell’ambito dell’inchiesta coordinata dalla Procura iblea sono indagate tre persone che sono state rinviate a giudizio per emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio. Al centro delle indagini dei Finanzieri della compagnia di Vittoria il fallimento di una società Ipparina. Gli accertamenti, secondo l’accusa, avrebbero permesso di far emergere la sottrazione al pagamento di debiti erariali per oltre 1,5 milioni di euro, tramite il trasferimento fraudolento degli asset societari a una nuova impresa operante nello stesso settore, formalmente intestata alla moglie del rappresentante legale della società fallita.

L’azienda avrebbe fatto assumere fittiziamente i propri dipendenti a una società terza, risultata essere una cartiera di fatto riconducibile al medesimo imprenditore di Vittoria, che avrebbe emesso fatture inesistenti per la somministrazione di manodopera. Questo meccanismo, ricostruisce la Guardia di finanza, avrebbe permesso di ottenere un indebito risparmio d’imposta per la neo costituita società, quantificato in oltre 500.000 euro, e di far ricadere gli oneri contributivi sulla cartiera, che non ha mai provveduto ad alcun adempimento fiscale e previdenziale.

Secondo la Finanza, inoltre, sarebbero stati reinvestiti circa 300.000 euro di provviste illecitamente accumulate, tramite un sistema di giroconti, in un’ulteriore impresa operante nel settore della ristorazione, anch’essa riconducibile alla moglie del rappresentante legale della società fallita. Il gip di Ragusa, accogliendo la richiesta della locale Procura, ha disposto il sequestro del complesso aziendale e di somme di denaro e beni fino alla concorrenza di oltre 800.000 e il rinvio a giudizio degli indagati.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.