Condividi
La protesta

A Messina nasce il Comitato precari Covid: ecco le richieste

giovedì 17 Novembre 2022
A Messina nasce il Comitato dei Precari Covid con l’obiettivo di trovare soluzioni alla situazione occupazionale e prevedere incontri in tal senso con i rappresentanti istituzionali.
I lavoratori impegnati nell’emergenza Covid-19 di Messina e provincia si sono riuniti presso il Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca per costituirsi in Comitato.
La decisione, spiegano i componenti del Comitato, si è resa necessaria per difendere e tutelare le professionalità che si sono spese durante il lungo periodo dell’emergenza “in prima fila” senza però, per vari motivi “tecnici”, essere ammessi alle garanzie che una legge ad hoc ha invece previsto per altre figure, mediche “e non”, alle quali sarà consentita una stabilizzazione in un sistema sanitario territoriale che oggi palesa oggettive difficoltà nel riscontrare adeguatamente le esigenze del territorio.
Tante le categorie interessate e “rimaste fuori” dalla tutela di legge: collaboratori e assistenti amministrativi, assistenti tecnici informatici, informatici, educatori, tecnici della prevenzione, ingegneri, assistenti sociali e protezione civile. Professionalità ormai integrate nella macchina amministrativa e sanitaria che tuttavia, il 31 dicembre prossimo, con la scadenza del contratto, dovrebbero lasciare definitivamente l’impiego dopo quasi due anni di sacrifici.
Nella convinzione che tale provvedimento, oltre che evidentemente discriminatorio, non sia nell’interesse di nessuno e soprattutto della collettività- si legge nel documento– i lavoratori si sono organizzati forti dei “numeri” di un impegno che si è concretizzato con un’assistenza costante e continua, sia per le vaccinazioni Covid, che per altri tipi di vaccini (LEA), ottenendo anche risultati davvero inaspettati e risolvendo nel contempo problematiche tecniche, logistiche, assistenziali e sociali relative o comunque connesse a questi servizi. Tra tutti il gran lavoro di sensibilizzazione che sta portando risultati finalmente “in linea” con le altre regioni d’Italia con prenotazioni che arrivano sino al mese di marzo 2023, un percorso che potrebbe interrompersi senza un atto preciso del governo regionale appena insediato”
Il Comitato Precari Emergenza Covid di Messina, ha deciso di accompagnare lo sforzo di tanti attori politici, sindacali e sociali che vedono nello smantellamento totale di una organizzazione ormai rodata, il pericolo di un grave passo indietro. È un problema “siciliano”, si tratta di quasi 3000 persone integrate e consolidate che vengono espulse nel momento di massimo sforzo, un frangente in cui, infatti, la PA deve affrontare un’altra sfida importante, quella dei fondi PNRR.
Il Comitato ha quindi già avviato contatti con altre analoghe realtà provinciali siciliane e sono in elaborazione proposte “concrete”, capaci di superare il vaglio della stringente legislazione regionale e nazionale, da portare, nei prossimi giorni, all’attenzione del governo nazionale, di quello regionale, dell’intera deputazione messinese e del neoassessore regionale alla Salute d.ssa Giovanna Volo.
Non resteremo in silenzio – concludono i componenti del Comitato – chiediamo il massimo supporto di tutta la classe politica e dei cittadini, Noi vogliamo continuare a lavorare e renderci utili per la nostra comunità contribuendo a migliorare la “sanità” e rendendola sempre più vicina alla persona, così come abbiamo fatto in questi ultimi 19 mesi.
Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.