Condividi

Agrigento in corsa per Capitale Italiana della Cultura 2020. La presentazione al Mibact

lunedì 5 Febbraio 2018
tour virtuali sicilia

Il rapporto indissolubile tra il passato e il futuro, uniti dal ponte del presente.

Il fulcro della candidatura della città di Agrigento a Capitale Italiana della Cultura per il 2020 è tutto qui e si racchiude nel progetto dal titolo “La Storia incontra il Futuro“.

Il dossier con le attività in cantiere verrà presentato oggi a Roma davanti la commissione giudicatrice del Ministero dei Beni Culturali dal sindaco di Agrigento Lillo Firetto insieme ad altre nove personalità istituzionali.

Pronto anche il logo, realizzato da Francesca Baldazzi, in richiamo all’importante compleanno dei 2600 anni dalla fondazione di Akragas, che fatalmente ricorreranno proprio nel 2020 e che ricorda, in maniera stilizzata, il profilo di uno dei templi dorici della Valle agrigentina.

Nel dossier si legge come la candidatura di Agrigento “non sia un punto di arrivo ma l’opportunità per un’inversione di tendenza che rafforzi il processo di riscatto già in atto. Partecipare alla candidatura significa provare a vincere una scommessa: accettare le sfide di questo millennio e aprire le porte ad una nuova concezione del mondo, in cui i valori della storia siano al contempo tesoro inesauribile di conoscenza e faro di incentivi per una competizione sempre più stimolante con un passato che generò illustri pilastri del nostro sapere. La proposta è ambiziosa. E la stessa Agrigento ne è, di fatto, ben consapevole“.

Anche il presidente della Regione Nello Musumeci, già durante la cerimonia ufficiale di apertura di Palermo Capitale Italiana della cultura 2018, ha espresso il suo sostegno alla città: “Agrigento ha, tutte le carte in regola per diventare Capitale italiana della cultura; candidarla è stata un’ottima intuizione. I presupposti storici, artistici e culturali ci sono tutti: i suoi palazzi, i suoi monumenti, le sue ville, il suo Parco archeologico, caratterizzato da un eccezionale stato di conservazione. E ancora gli importanti templi dorici del periodo ellenico”.

Il capoluogo agrigentino, ricordiamo, concorre alla nomina insieme a Bitonto, Casale Monferrato, Macerata, Merano, Nuoro, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, e Treviso; il 16 febbraio verrà proclamata la città vincitrice.

 

 

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Ragusa, pista di atletica da 1,5 miliardi di lire nel degrado: mai utilizzata CLICCA PER IL VIDEO

L’ennesima cattedrale nel deserto. Ce l’avete segnalata voi, attraverso il numero WhatsApp 378.083 5993. È la pista di atletica di contrada da Montecalvo, a Vittoria, in provincia di Ragusa.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.