Condividi

Anfe, la Uil scrive al prefetto di Palermo. Personale in sciopero fino al 25 marzo

venerdì 17 Marzo 2017

Una lettera indirizzata al prefetto di Palermo Antonella De Miro, per chiedere un incontro urgente con i sindacati, i vertici dell’assessorato regionale all’Istruzione e alla Formazione professionale e l’attuale commissario straordinario dell’Anfe Costantino Garraffa per individuare soluzioni finalizzate a garantire la continuità delle attività per l’Ente, sottoposto ad una procedura di avvio della revoca d’accreditamento da parte del Dipartimento Regionale all’Istruzione, a seguito di un provvedimento restrittivo riguardante l’ex legale rappresentante.

A siglare la nota, il segretario regionale della Uil Sicilia Giuseppe Raimondi, il segretario generale Uil Scuola Sicilia Claudio Parasporo e il responsabile regionale della Uil Scuola Antonino Panzica, che esprimono preoccupazione per “i 1.500 allievi dell’Anfe che saranno costretti ad interrompere il proprio percorso formativo malgrado i sacrifici e la dedizione del personale amministrativo e docente”.

 

Le preoccupazioni del sindacato – che ha più volte lanciato l’allarme sul peggioramento delle condizioni di lavoro del personale proclamando uno sciopero iniziato il 14 marzo e la cui conclusione è prevista per il 25 del mese corrente – si concentrano dunque non solo sui lavoratori, ma anche sugli studenti, per i quali “si preannuncia difficile raggiungere il completamento dei percorsi avviati”. Attualmente, l’accreditamento dell’Ente è stato sospeso in via cautelativa per 60 giorni, nell’attesa del completamento della procedura avviata, anche se è stata concessa la possibilità di completare i corsi già in fase di svolgimento.

“Il nostro ordinamento – spiegano i sindacalisti riferendosi al decreto legislativo 226 del 2005 – garantisce gli studenti che scelgono percorsi di istruzione e formazione alternativi ai licei e agli istituti tecnici: occorre pertanto garantire agli allievi dell’Anfe la continuità delle lezioni, anche per scongiurare fenomeni quali la dispersione scolastica e l’abbandono degli studi”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.