Condividi

C’è l’accordo tra Governo e Almaviva. Ma un pezzo dell’azienda è già in Romania [Video]

giovedì 22 Dicembre 2016

Manovre timonali per salvare l’azienda con 398 dipendenti nel capoluogo siciliano, ma nel frattempo la proprietà sembra aver trasferito dei comparti in Romania. L’accordo tra Almaviva Contact, il call center con sedi in tutta Italiae le organizzazioni sindacali dei lavoratori raggiunto alle quattro di questa mattina, in un incontro presieduto dalla viceministro Teresa Bellanova presso il ministero dello Sviluppo economico. Da quanto trapelato, la sede romana, con 1.666 dipendenti andrebbe verso la chiusura e già da oggi potrebbero partire le lettere di licenziamento.

Per l’azienda, il percorso intrapreso “può contare sul determinante contributo di responsabilità da parte delle organizzazioni sindacali, testimoniato dai loro massimi esponenti, dopo una fase segnata da posizioni controverse di fronte alla gravità della crisi e alla necessità di un confronto reale sulle soluzioni da assumere”. In assenza di un accordo valido per la sede romana, si procederà quindi come stabilito: a partire da oggi fino ai prossimi 120 giorni, l’azienda comincerà a far partire le lettere di licenziamento per i 1.666 dipendenti della sede romana che verrà chiusa.

Per quanto riguarda la cassa integrazione straordinaria, “verrà attivata entro il 31 dicembre 2016 sino al 7 aprile 2017, in favore di un numero massimo di 845 unità lavorative occupate presso la sede di Napoli” spiega una nota. A Palermo i dipendenti saranno in sciopero fino al 9 gennaio, data in cui 62 dei 398 dipendenti dovrà trasferirsi a Rende, in Calabria. La società è controllata dalla famiglia Tripi, con il 60% delle quote e vanta commesse importanti tra cui Enel, Sky, Wind, Trenitalia, Tim, Vodafone, Poste e Alitalia. Proprio da quest’ultimo link sembra emergere il trasferimento di un comparto del call center in Romania.

A lanciare l’allarme è il deputato di Sinistra Italiana, Erasmo Palazzotto. “Volete sapere  dove sono finiti i 1600 posti di lavoro di Roma? Chiamate il call center Alitalia e scoprirete che la vostra chiamata sarà trattata in Romania dove un lavoratore e’ pagato una miseria”. Secondo le informazioni raccolte, Almaviva avrebbe trasferito all’estero una parte della commessa stipulata con vettore aereo. Nello specifico si tratta dell’assistenza fornita agli acquirenti dei ticket di viaggio online e la conferma è impressa nella voce guidata sulla privacy riservata ai clienti, come si può ascoltare nell’audio pubblicato.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia, Dipasquale (Pd): “Fronte compatto contro il governo Schifani” CLICCA PER IL VIDEO

Due volte sindaco di Ragusa e deputato regionale del Pd, all’Ars dal 2012, Nello Dipasquale, è ospite questa settimana a Bar Sicilia.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.