Condividi

Archiviata la questione dei tetti agli stipendi Ars, i Siciliani attendono ora segnali differenti

mercoledì 14 Febbraio 2018
Gianfranco Miccichè
Gianfranco Miccichè

Con l’accordo che definisce il tetto degli stipendi all’Ars Gianfranco Miccichè porta a casa l’ultimo miglio su una questione su cui si era complicato la vita. Mettendo infatti subito, praticamente nel primo incontro con i giornalisti, dopo la sua elezione a presidente dell’Assemblea regionale siciliana, il tema della valorizzazione economica delle professionalità dei dirigenti del parlamento siciliano e più in generale dei dipendenti, al centro della sua agenda di lavoro, il presidente dell’Ars non ha poi potuto evitare che si innescasse una reazione a catena.

Che poi questa stessa abbia potuto essere in alcuni casi, a volte, anche ridondante e complessa, ciò è anche possibile.

Ma è altrettanto pacifico che una rivendicazione, socialmente pienamente accettabile, quella per intenderci legata alle parole di Don Cosimo Scordato, non poteva non trovare adeguata cittadinanza nella narrazione della vicenda.

A trattativa conclusa l’amministrazione dell’Ars ha firmato l’accordo con sei delle sette sigle sindacali (Uil, Sindacato consiglieri parlamentari, Sas, Udars, Saap e Osa) che prevede di ripristinare per il prossimo triennio, 2018-2020, le retribuzioni introdotte nel 2015 e in vigore fino allo scorso anno. Non ha partecipato all’incontro conclusivo il Sada, che da solo rappresenta circa il 30 per cento del personale.

I numeri che escono fuori dall’accordo non sono molto diversi dai livelli del 2017: dal primo marzo sono di 240 mila euro lordi per i dirigenti, 204 mila euro per gli stenografi, 193 mila euro per i segretari, 148 mila euro per i coadiutori, 133.200 euro per i tecnici e di 122.500 euro per gli assistenti parlamentari. Per l’anno in corso i  dipendenti che sforano il tetto saranno 23. Dal calcolo degli stipendi saranno escluse le indennità di funzione e mansione, corrisposte al personale in 12 mensilità, che oscillano da un minimo di 215 euro lordi (140 euro netti) per le categorie più basse a un massimo di 2.122 euro (1.273 euro netti) per quelle più alte.

L’accordo, forse, non il miglior risultato possibile, è una discreta via di mezzo tra quello che all’inizio si poteva pensare di realizzare e la volontà dei lavoratori di non fare in questa storia troppi passi indietro.

Chi vive ‘il luogo del privilegio’ e si aggrappa al mantenimento di situazioni oggettive di vantaggio non è in sé colpevole, se non nella misura in cui non riesce a capire il disagio che il Paese reale e chi sta seduto dall’altra parte delle cose mette nell’accettare tutto questo.

Se c’è un messaggio che rimane chiaro e netto al centro della scena, dopo questa storia, è che il mondo esterno, quello che contesta, anche rudemente, la prospettiva dorata di certi contesti, attende segnali differenti dal parlamento siciliano.

Li attendiamo, per la verità, un po’ tutti.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, blitz contro clan dei Cursoti milanesi: ordinanza per 24 persone CLICCA PER IL VIDEO

L’operazione antimafia denominata “Zeus” è stata eseguita la notte scorsa dalla polizia di Catania contro 24 presunti appartenenti al clan dei Cursoti milanesi. L’inchiesta, coordinata dalla locale Direzione distrettuale antimafia, ipotizza, a vario titolo, i reati di associazione mafiosa, estorsione, traffico di cocaina e marijuana, porto e detenzione di armi da fuoco, spaccio di sostanze…

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.