Condividi

Bufera a Messina: protesta contro i parcheggi a pagamento dell’ospedale Papardo

mercoledì 18 Ottobre 2017
zone blu

All’ospedale Papardo di Messina scatta la protesta dei sindacati contro i parcheggi a pagamento. In una zona disagiata i pazienti sono costretti a prendere l’auto districandosi tra pochi posti riservati ai dipendenti che pagano anche 6 euro al giorno.

Il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche, rende noto che la decisione sulla gestione degli stalli per la sosta “è stata presa dalla precedente direzione”, e sarebbe così avvenuta “poco prima che la stessa lasciasse l’incarico di manager, senza per altro informare i sindacati”. Così utenti e lavoratori sono costretti adesso a pagare per parcheggiare l’auto: “La zona è disagiata – spiega il segretario territoriale di Messina, Ivan Alonge essendo servita da una sola linea di autobus di fatto costringe all’utilizzo di auto privata. Forse se proprio si volesse per forza intraprendere la strada dei parcheggi a pagamento si dovrebbe comunicare con il Comune e vedere se prima sia possibile migliorare il trasporto pubblico”. Martedì prossimo il Nursind ha convocato un’assemblea del lavoratori presso il Papardo. Filippo Barbaro, segretario aziendale Nursind, ha chiesto di provare “ad annullare un contratto capestro. Proprio l’aziendalizzazione sfrenata degli ospedali e l’attribuzione di poteri incontrastati ed incontrastabili ai manager ospedalieri, ha condotto alla stipula di tale contratto”.

Il nosocomio messinese si è dunque adeguata alla cattiva prassi dei vari ospedali “di considerarsi – a dire del Nursind a tutti gli effetti azienda privata, il cui scopo primario sembra non essere più quello di erogare salute e servizi relativi alla salute, ma di provare a fare cassa, sfruttando i bisogni stessi di salute dei cittadini. Infatti l’azienda riceverebbe in cambio della concessione, una percentuale del 53,57% sugli incassi, per tutta la durata del contratto, cioè 24 mesi più altri 12 facoltativi opzionabili”.

La nuova amministrazione del Papardo, secondo il sindacato ha avuto “il buon senso di convocare le rappresentanze sindacali per informare della situazione” e “pur non essendo nel merito favorevole si è trovata costretta ad accettarla”.

L’altra beffa, poi, riguarda il personale ospedaliero: “Nella delibera non viene neanche menzionato – dice Alonge – e ai dipendenti sono assegnati solo 222 posti riservati, un numero chiaramente inadeguato a soddisfare le necessità reali di un organico che conta circa 1.200 dipendenti. Numerosi dipendenti sono turnista, la mattina è quasi impossibile trovare posti gratuiti e il personale dipendente che arriva dovrebbe pagare 6 euro al giorno”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, estate tutta da vivere a Giardini Naxos: turismo, eventi, cultura, arte CLICCA PER IL VIDEO

Con gli assessori comunali di Giardini Naxos Fulvia Toscano e Ferdinando Croce scopriamo sorprese ed eventi di un’estate da boom di turisti

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.