Condividi

Busiate col pesto alla trapanese, un primo piatto che viene da lontano [La ricetta]

lunedì 27 Maggio 2019

Penetrare nelle bontà siciliane è una vera goduria, ma oggi partiremo dalla lontana Liguria per raccontarvi il “pesto alla trapanese“. Quello ligure è noto, amato da tutti e ha origini antiche che sono state tramandata nei secoli. Questa prelibatezza ha avuto delle varianti e tra le più buone, non per campanilismo, è sicuramente quello nato a Trapani.

Origini del pesto alla trapanese
Nel porto di Trapani si fermavano le navi genovesi che, in transito da e verso l’oriente, erano cariche dei prodotti tipici della loro terra e tra questi era presente l’agliata genovese, ovvero un pesto fatto con basilico, aglio e noci. I siciliani, geniali, la rielaborarono, sostituendo alle noci le mandorle e aggiungendo il pomodoro. Nacque così la “pasta cull’agghia“, italianizzato in “pesto alla trapanese“, proprio per definire la sua origine. Si tratta di un piatto povero, inserito tra i Prodotti agroalimentari tradizionali siciliani riconosciuti dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, su proposta della Regione Siciliana.

Questa ricetta mostra, una volta di più, come la nostra cucina sia un melting pot di culture e sapori. Come pasta consigliamo le busiate, un tipo di maccheroni lunghi originari del trapanese, che prendono il nome da “buso”, un particolare ferro da maglia che, proprio nel trapanese era utilizzato per lavorare tessuti quali il cotone o la lana o alla “busa“, parola siciliana che indica una pianta graminacea, ampelodesmos mauritanicus, della macchia mediterranea che i contadini della zona utilizzavano per avvolgere e legare i fasci di spighe. Questa è la ipotesi più accreditata. La Busiata è prodotta avvolgendo un filo di pasta attorno a un ramoscello di ampelodesmos mauritanicus; ma è arrivato il tempo di scrivere la ricetta per, poi, mangiarla.

Ingredienti per 4 persone

  • 400 g di pasta
  • 500 g pomodori
  • basilico fresco
  • mandorle pelate
  • aglio
  • sale
  • olio
  • pecorino
  • pepe nero

Procedimento

1. Mettete dentro un mixer ad immersione o, se preferite, un mortaio le mandorle pelate, i pomodori, precedentemente buttati per un minuto in acqua bollente e sbucciati, e tutti gli ingredienti.

2. Frullateli fino ad ottenere una crema granulosa ma omogenea, scolate la pasta e amalgamatela con la salsa.

Il pranzo o la cena, a vostro piacimento, sono servite.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.