Condividi

Caso Shalabayeva, pm Perugia chiedono rinvio a giudizio per Cortese

martedì 28 Febbraio 2017
Renato Cortese - frame da Scacco al re
Renato Cortese - frame da "Scacco al re"

La Procura di Perugia ha chiesto il rinvio a giudizio per l’ex capo della squadra mobile di Roma Renato Cortese (fresco di nomina a Capo della Questura di Palermo), insieme all’allora dirigente dell’ufficio immigrazione Maurizio Improta, 5 agenti di polizia, il giudice di pace che si occupò del caso e 3 funzionari dell’ambasciata kazaka per quello che l’accusa considera il rapimento di Alma Shalabayeva.

Nell’inchiesta vengono contestati a vario titolo i reati di sequestro di persona e falso. La richiesta di rinvio a giudizio – secondo quanto si è appreso – ricalcherebbe l’avviso di conclusione indagine. Gli indagati hanno sempre sostenuto la correttezza del proprio operato.

Alma Shalabayeva
Il documento di Alma Shalabayeva, moglie del dissidente kazako espulso dall’Italia, che insieme alla figlia di 6 anni sono state costrette al rimpatrio forzato dall’Italia verso Astana, la capitale del Kazakhstan, il 31 maggio scorso dopo un blitz della polizia. Roma,12 luglio 2013. ANSA/ WEB

 

Quello di Alma Shalabayeva e Alua Ablyazova, la moglie e la figlia del dissidente kazako Muktar Ablyazov espulse dall’Italia il 31 maggio del 2013, messe su un aereo e rispedite in Kazakistan, fu un rapimento: realizzato grazie ad una ininterrotta sequenza di falsi, abusi e omissioni compiuti da funzionari pubblici italiani e diplomatici kazaki.

La procura di Perugia chiede, ipotizzando questo scenario, il giudizio per 11 persone, confermando le pesantissime accuse ipotizzate a vario titolo nell’avviso di chiusura indagini: sequestro di persona e falso. A doverne rispondere sono due funzionari di vertice della Polizia: l’attuale questore di Palermo Renato Cortese, l’uomo che ha preso Bernardo Provenzano e che all’epoca dei fatti era il capo della squadra mobile di Roma, e Maurizio Improta, attuale questore di Rimini e allora capo dell’ufficio immigrazione della capitale.

Oltre a loro, il procuratore di Perugia Luigi De Ficchy, l’aggiunto Antonella Duchini e il pm Massimo Casucci hanno chiesto il processo per il giudice di Pace Stefania Lavore, colei che firmò la convalida del trattenimento nella “consapevolezza”, secondo i pm, che quel provvedimento “costituisse un passaggio essenziale della traduzione forzata” della donna in Kazakistan, per i poliziotti della squadra mobile Luca Armeni e Francesco Stampacchia, per gli agenti dell’ufficio immigrazione Vincenzo Tramma, Laura Scipioni e Stefano Leoni, e per tre funzionari dell’ambasciata del Kazakistan: l’allora ambasciatore Andrian Yelemessov, il primo segretario Nurlan Khassen e l’addetto consolare Yerzhan Yessirkepov.

 

Nell’avviso di chiusura indagini sono 20 i capi d’imputazione complessivi ipotizzati dai magistrati perugini. Una lunga sequela di omissioni e falsi che avrebbero esposto la Shalabayeva al “concreto rischio di subire violazioni dei diritti umani”. “Mediante le rispettive, consapevoli condotte commissive ed omissive”, sostengono i pm, poliziotti e funzionari kazaki, con il concorso del giudice di pace, avrebbero “privato della libertà personale” la donna, consentendo il suo trattenimento e conducendo la piccola Alua dalla villa di Casal Palocco all’aeroporto di Ciampino “con l’inganno”, sostenendo che l’avrebbero portata in questura per farle incontrare la madre. Ma non solo: una volta in aeroporto, Shalabayeva e la figlia sono state imbarcate sull’aereo noleggiato dall’ambasciata kazaka “contro la loro volontà e nonostante Shalabayeva avesse in più occasioni richiesto asilo e rappresentato lo status di rifugiato del marito e il pericolo per la propria incolumità in caso di rimpatrio forzato”.

Un’operazione che già la Cassazione, nel luglio del 2014, aveva bollato come viziata “sa manifesta illegittimità originaria”: “la contrazione dei tempi del rimpatrio e lo stato di detenzione e sostanziale isolamento della donna, dall’ irruzione alla partenza hanno determinato un irreparabile vulnus al diritto di richiedere asilo e di esercitare adeguatamente il diritto di difesa”. Quanto esplose il caso, l’affaire Shalabayeva sfiorò l’allora ministro dell’Interno Angelino Alfano e costò il posto al capo di gabinetto del Viminale, il prefetto Giuseppe Procaccini e il pensionamento anticipato del capo della segreteria del Dipartimento della Pubblica Sicurezza Valeri. I due, sentiti a Perugia, hanno messo a verbale che il ministro fu informato del blitz nella villa di Casalpalocco, per catturare il dissidente Ablyazov e nulla gli fu detto del fatto che quell’operazione portò invece al fermo della moglie e della figlia e alla successiva espulsione, poiché entrambi non sapevano nulla della piega presa dalla vicenda.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.