Condividi

Catania, Bianco passa il “testimone” a Pogliese

venerdì 22 Giugno 2018
pogliese e bianco catania
Pogliese e Bianco

CATANIA“Un passaggio di consegne, non soltanto formale, che sancisce l’inizio di una nuova esperienza amministrativa”. Così il sindaco di Catania, Salvo Pogliese ha commentato, nella sala Giunta di Palazzo degli Elefanti, il momento istituzionale che lo ha visto avvicendarsi a Enzo Bianco nel ruolo di primo cittadino alla presenza dei vertici amministrativi comunali.

“Da oggi – ha detto Pogliese – ci mettiamo formalmente al lavoro con grande rispetto istituzionale e allo stesso tempo con passione e dedizione. Desidero ringraziare Enzo Bianco per l’impegno che ha caratterizzato questi cinque anni, con l’augurio che possa lavorare ancora per Catania nell’interesse esclusivo della città”.

“Non nascondo l’emozione di questo momento – ha sottolineato Bianco dopo il passaggio del ‘testimone’ – rivolgo dal profondo del mio cuore un sincero augurio di buon lavoro al nuovo sindaco, eletto con una larga maggioranza e pieno di passione ed entusiasmo per la nuova sfida. Non farò mancare il mio sostegno alla città nel ruolo di consigliere comunale e nelle attività che continuerò a svolgere in sede nazionale e europea”.

Durante l’incontro il sindaco Pogliese e l’uscente Bianco hanno siglato la revisione di cassa. Il dato contabile ha evidenziato alla data odierna una parte disponibile di circa 5 milioni di euro, a fronte di un’anticipazione di cassa disponibile di circa 188 milioni di euro.

Poche ore fa Pogliese ha aggiunto su Facebook: «Oggi ho incontrato l’avvocato Enzo Bianco, per un momento che non è stato solo il necessario adempimento di un obbligo imposto dal galateo istituzionale e dalla procedura. Credo fermamente, infatti, che passato il momento elettorale il dovere di chi serve le istituzioni sia di dialogare e confrontarsi con tutti coloro i quali hanno a cuore le sorti della nostra città, mantenendo ciascuno il proprio ruolo, le proprie idee, la propria visione. Avevo già apprezzato il gesto compiuto dal professore Giovanni Grasso, candidato sindaco del M5S, intervenuto alla cerimonia per il mio insediamento formale a Palazzo degli Elefanti. Catania ha bisogno di recuperare una dimensione comunitaria, evitando contrapposizioni sterili e pregiudiziali. 

Oggi si apre definitivamente un capitolo nuovo, della storia della città, per scrivere il quale sono già al lavoro da una settimana, notte e giorno.
I miei concittadini si aspettano tanto. Più che parole si aspettano fatti, atti, risposte. Con uno stile che sarà improntato al rigore e alla sobrietà. 
La sfida della mia vita è non deludervi».

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Cateno De Luca si racconta a Donna Sarina: “Sono andato nell’aldilà e sono tornato” CLICCA PER IL VIDEO

Ospite della prima puntata del format web de ilsicilia.it “Donna Sarina” è Cateno De Luca, ex sindaco di Messina e leader dell’opposizione

BarSicilia

A Bar Sicilia, Nuccia Albano: “Al fianco dei deboli. Rdc? Siciliani chiedono lavoro”

E’ Nuccia Albano, assessore regionale alla Famiglia, Politiche Sociale e Lavoro, l’ospite della puntata numero 224 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, l’esponente della Dc ha fatto il punto sulle iniziative del Governo a sostegno dei disabili, delle vittime di violenza ma anche sugli interventi a sostegno dell’occupazione

La Buona Salute

La Buona Salute 61° puntata: Cancer Center

La 61^ puntata de La Buona Salute è dedicata al Cancer Center presso l’ARNAS Garibaldi di Catania, con nuovi spazi e tecnologia all’avanguardia per migliorare le prestazioni per i pazienti oncologici

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.