Condividi

Catania: prende il reddito di cittadinanza ma fa prostituire la moglie

lunedì 2 Settembre 2019

Percepiva il reddito di cittadinanza e sfruttava la moglie che faceva la prostituta.

Questo è quanto è stato scoperto dai carabinieri che hanno arrestato un 39enne di Catania, accusato di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali, reati commessi ai danni della donna di 42 anni.

Luomo, da circa due anni, si era sposato con una ecuadoregna nella piena consapevolezza del “mestiere” praticato dalla moglie. Disoccupato e percettore di reddito di cittadinanza, ha continuato a farsi mantenere (rubandole a volte anche il denaro) abitando in una casa presa in affitto con il denaro della moglie che, come ringraziamento, ha dovuto subire ogni sorta di vessazione.

L’ultimo episodio la notte scorsa, quando, senza alcuna ragione plausibile, l’ha minacciata di morte: “Tu domani non monti perché ti brucio tutto!“. Dopo un’accesa discussione verbale, l’uomo avrebbe anche aggredito la moglie.

La donna impaurita ha chiesto aiuto ai carabinieri, telefonando al 112. I militari, giunti sul posto, hanno bloccato l’aggressore che, in loro presenza, ha lanciato l’ennesima minaccia: “Anche se mi arrestano, appena esco vengo e ti rompo tutta, tanto tu sei una… da quattro soldi!”.

L’arrestato e’ stato accompagnato nel carcere di Catania “Piazza Lanza”. Rimesso in libertà, su disposizione del gip, e’ stato sottoposto all’obbligo di allontanarsi dalla casa coniugale, al divieto di avvicinamento e comunicazione con la parte offesa, nonché all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, Settecannoli e riqualificazione della Costa Sud: tra speranze, progetti, degrado e impegno civico CLICCA PER IL VIDEO

Nuova tappa del viaggio de ilSicilia.it tra i quartieri di Palermo alla rubrica “La città chiama…”. Questa volta è il turno di Settecannoli, nella seconda circoscrizione, in cui ricade il lungomare della Costa Sud di Palermo. L’intervista a Sergio Oliva.

BarSicilia

Bar Sicilia, Cracolici: “La mafia ha scelto forme diverse per infiltrarsi nei territori”

Nel nome di Falcone, di Borsellino e dei simboli dell’Antimafia che hanno saputo essere esempio e testimonianza, Cracolici riassume l’attività svolta dal suo insediamento alla guida della commissione sino a oggi

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.