Condividi
la conferma

Catania, schianto canadair: trovati i resti dei due piloti

venerdì 28 Ottobre 2022
Sono stati trovati i resti dei due piloti del Canadair precipitato ieri a monte Calcinera durante un’operazione di spegnimento di un incendio nella zona. La notizia è stata confermata dalla Procura di Catania.

Si tratterebbe di Matteo Pozzoli, 56enne di Erba (Como) ex pilota dell’Aeronautica militare  e Roberto Mazzone, salernitano di 62 anni. Col passare delle ore sono quasi nulle le speranze di trovarli in vita. La conferma ufficiale che sia Pozzoli una delle vittime non c’è ancora, ma anche tra i familiari il timore è più che fondato: “Purtroppo sembra essere così”, ha dichiarato il fratello Ismaele al quotidiano La Provincia di Como. Figlio dell’ex sindaco di Erba Filippo Pozzoli, eletto per l’allora Lega Nord tra il 1995 e il 2002, il pilota disperso vive da anni a Viterbo e ha alle spalle una lunga carriera da pilota, prima nell’Aeronautica militare poi nell’aviazione civile e, in particolare, in quella antincendio.

Nel 1997 era ai comandi di un caccia militare che ebbe un incidente sul monte Lupone, in provincia di Latina; lui si salvò, mentre l’altro pilota, Maurizio Poggiali, morì.

Il capo del Dipartimento della Protezione Civile Fabrizio Curcio dopo il ritrovamento dei resti dei due piloti del Canadair precipitato, “Esprimiamo profondo cordoglio per la scomparsa di due validissimi professionisti, che hanno perso la vita durante le operazioni di spegnimento di un incendio”. “Alle loro famiglie e alle loro comunità si stringe il Servizio Nazionale della Protezione Civile in un abbraccio corale che vuole essere sostegno, vicinanza ma anche profonda gratitudine per l’impegno e lo spirito di abnegazione che da sempre contraddistingue il lavoro degli equipaggi della flotta aerea dello Stato” aggiunge Curcio rivolgendo poi un “sentito ringraziamento a tutte le componenti del sistema nazionale della protezione civile, che sono immediatamente intervenute e hanno lavorato senza sosta sul luogo dell’incidente”.

Sono due i fronti dell’inchiesta aperta dalla Procura di Catania sul Canadair precipitato. Il primo troncone riguarda le cause del disastro aereo: verificare se sia stato dovuto a un errore di manovra o a problemi di volo o strutturali. Il secondo sulla causa dell’incendio per cui il Canadair 28 era stato chiamato ad intervenire: accertare se è stato appiccato e quindi sia stato doloso. I reati ipotizzati dalla Procura per il momento sono disastro aviatorio colposo e incendio.

Parlando con i giornalisti, Simone Pozzoli, fratello di Matteo Pozzoli, il comandante del Canadair precipitato sul monte Calcinera, in territorio di Linguaglossa, nel Catanese: “Siamo qui sul luogo dell’incidente dove mio fratello ha perso la vita mentre spegneva un incendio che qualcun altro ha acceso. Sono anni che lo faceva, ma è partita la macchina del fango che è soltanto vergognosa. Sono partite dicerie e storie assurde che sono terribili. Mi auguro che venga fuori la verità e riconosciuto quanto ha fatto“.

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, truffa sui carburanti: 13 indagati e sequestro beni da 25 milioni CLICCA PER IL VIDEO

I sequestri sono stati eseguiti nelle province di Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria. L’indagine, condotta dalle unità dei gruppi Tutela finanza pubblica del nucleo Pef della Guardia di finanza di Catania e Operativo regionale antifrode dell’Adm ha riguardato due distinti gruppi.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.