Condividi
Il fatto

Chiusi due centri di raccolta su tre a Ragusa: “L’amministrazione comunale ci dica come intende operare”

lunedì 17 Giugno 2024

Negli ultimi giorni abbiamo ricevuto diverse segnalazioni da parte di cittadini ragusani che hanno trovato chiusi i Centri Comunali di Raccolta di Marina di Ragusa e di contrada Nunziata, fatto confermato da un annuncio sul sito della ditta Busso nel quale si spiega che l’interruzione del servizio è dovuta a ‘motivi di natura tecnica’. Ci risulta che una delle ragioni sia il mancato adeguamento delle strutture con opere di manutenzione che dovrebbero costare oltre mezzo milione di euro. Tutto ciò dimostra, ancora una volta, con quanta approssimazione opera chi governa Ragusa e in particolare chi si occupa di questo settore“. Lo denunciano i consiglieri comunali Mario Chiavola e Peppe Calabrese, quest’ultimo anche segretario cittadino del Partito Democratico.

I due dem aggiungono: “Che fine farà tutta l’immondizia derivante dalla manutenzione dei giardini, sia da parte di utenze domestiche che da parte di aziende che si occupano di giardinaggio? Che fine faranno gli scarti di chi svuota le cantine come lavoro o di chi decide di ammodernare parte dell’arredamento di casa? Soprattutto a Marina di Ragusa dove è appena iniziata la stagione estiva e la manutenzione delle abitazioni è proprio nel suo momento più frenetico. Temiamo che questi rifiuti possano essere abbandonati per la città o nelle periferie“.

A quanto pare, inoltre – continuano i consiglieri – una delle ragioni della chiusura dei due centri riguarderebbe pure l’eccesso di rifiuti non smaltiti, una situazione che mette a rischio anche la salute degli operatori dei due centri. L’amministrazione comunale ci dica come intende operare  – chiedono – quali sono questi lavori di manutenzione o adeguamento che andrebbero portati a termine e quanto costerebbero. Soprattutto ci faccia capire come mai non sono stati già programmati. Infine – concludono – il sindaco ci dica, visti i risultati a un anno dall’inizio del secondo mandato, se si rende conto anche lui che l’assessore all’Ambiente non è in grado di gestire una materia così delicata. Forse andrebbe preso qualche provvedimento“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.