Condividi

Circoli della Lega dei Meridionali, Candiani: “Persone già espulse dal Carroccio mesi fa”

martedì 2 Giugno 2020
Stefano Candiani

È incredibile leggere notizie dell’anno scorso rimesse in circolazione utilizzando soggetti che non si rendono conto di essere strumento di chi vuole solo ostacolare l’azione politica della Lega sul territorio”, con queste parole Stefano Candiani, segretario regionale in Sicilia del partito guidato da Matteo Salvini, commenta la notizia dell’adesione di alcuni consiglieri al movimento civico dei Circoli della lega dei Meridionali.

Per di più – chiarisce Candiani – si tratta di persone già sospese o espulse dal partito diversi mesi addietro per gravi violazioni di quel rivoluzionario codice etico che ci siamo dati in Sicilia. Figure alle quali, nonostante tutto, solo lo scorso mese di febbraio era stata data ancora attenzione perché la Lega è sempre pronta a riabbracciare chi comprende l’importanza fondamentale di rispettare l’organizzazione e le regole interne al partito, vere garanzie per l’affermazione di quel sano principio meritocratico in una terra in cui sino ad oggi si è preferito privilegiarne altri, come quella degli amici e degli amici degli amici, con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti”.

Stefano Candiani va al sodo e preferisce guardare ai fatti. “Nel frattempo la Lega cresce con il contributo di tantissimi altri che hanno sposato le nostre battaglie e il nostro metodospiega il segretario regionale della Lega -, abbiamo raddoppiato gli iscritti e allargato ulteriormente il novero degli amministratori locali in Sicilia in un momento di espansione culminato nella nomina dell’assessore regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana. Il lavoro fatto dalla Lega negli ultimi tempi in Sicilia, tra i territori, non lo giudico io, ma lascio che, di volta in volta, siano gli elettori siciliani a farlo. Penso, per esempio, alle ultime elezioni europee, in cui ben 320 mila siciliani, pari al 20,7%, ci hanno espresso la loro fiducia. Abbiamo eletto ben due europarlamentari, che si stanno impegnando tanto per l’Isola, e Matteo Salvini è stato votato da oltre 181 mila siciliani che hanno scritto il suo nome e cognome sulla scheda elettorale. Ecco – conclude Stefano Candiani piuttosto che agli attacchi strumentali di chi pensava di trovare nella Lega l’ennesimo partito da gestire a proprio uso e consumo, noi siamo concentrati sulla responsabilità che avvertiamo per la crescente fiducia che ci riconoscono i siciliani”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, Settecannoli e riqualificazione della Costa Sud: tra speranze, progetti, degrado e impegno civico CLICCA PER IL VIDEO

Nuova tappa del viaggio de ilSicilia.it tra i quartieri di Palermo alla rubrica “La città chiama…”. Questa volta è il turno di Settecannoli, nella seconda circoscrizione, in cui ricade il lungomare della Costa Sud di Palermo. L’intervista a Sergio Oliva.

BarSicilia

Bar Sicilia, Cracolici: “La mafia ha scelto forme diverse per infiltrarsi nei territori”

Nel nome di Falcone, di Borsellino e dei simboli dell’Antimafia che hanno saputo essere esempio e testimonianza, Cracolici riassume l’attività svolta dal suo insediamento alla guida della commissione sino a oggi

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.