Condividi
La pianificazione territoriale

Concessioni balneari, i comuni siciliani in ritardo con il Pudm

mercoledì 16 Agosto 2023
Elena Pagana

Roma ha rinviato a settembre la discussione della riforma che riguarda le concessioni balneari, fino ad oggi sempre prorogate senza che si sia proceduto con l’assegnazione attraverso le gare. L’ultima riunione del tavolo tecnico risale a luglio e si è tenuta a Palazzo Chigi alla presenza dei rappresentanti di ministeri competenti, Regioni e associazioni di categoria.

Anche in Sicilia il tema è molto sentito e l’Assessorato regionale al Territorio e Ambiente, guidato da Elena Pagana, sta attenzionando la questione avviando una mappatura delle coste isolane.

Al Dipartimento del Territorio sono pervenuti circa 70 Pudm oggetto di istruttoria. Per alcuni è stata già avviata la Vas, resa gratuita secondo quanto stabilito nella scorsa Finanziaria. E’ la Cts (la Commissione tecnico scientifica) che si occupa della Valutazione ambientale strategica, e alla quale il governo regionale ha dato la massima elasticità per quanto riguarda l’organizzazione interna e la pianificazione territoriale. Poi ci sono circa 30 comuni ancora inadempienti rispetto alla presentazione del Pudm.

L’approvazione del Piano di utilizzo del demanio marittimo è il primo requisito per mettere a bando i lotti, lo strumento necessario per la gestione del litorale cittadino, sia per quanto concerne la fruizione pubblica che la gestione privata. Il Pudm definisce per ogni singola area della fascia costiera gli ambiti con specifica normativa, finalità ed uso, e i lotti individuati nelle varie aree saranno affidati in concessione mediante procedura ad evidenza pubblica da parte del singolo Comune.

Daniele Tumminello

Anche la giunta comunale di Cefalù ha proceduto all’approvazione del Pudm. “Abbiamo approvato uno strumento di regolamentazione tanto atteso – spiega il sindaco Daniele Tumminello – con cui il Comune esprime, attraverso i suoi organi istituzionali, giunta prima e soprattutto Consiglio comunale poi in sede di approvazione definitiva, la potestà di pianificazione del territorio, dettando in modo puntuale le regole di utilizzo del bene pubblico demaniale marittimo. Il PUDM è uno strumento fondamentale per la pianificazione del territorio, deve contenere a nostro giudizio e per un comune turistico come Cefalù il giusto equilibrio tra pubblico e impresa privata. Ma il via libera definitivo dovrà arrivare dal Consiglio Comunale dopo il parere degli Organi regionali”.

La mappatura delle coste per risalire allo stato delle concessioni demaniali è il passo fondamentale per capire se effettivamente scarseggia la risorsa naturale, ossia i tratti di spiaggia da mettere a bano di gare per nuove concessioni, oppure se c’è adeguata disponibilità. In questo caso i tratti di spiaggia ‘liberi’ da concessioni demaniali potrebbero essere messi a gara, come chiede l’Europa, e le concessioni in essere potrebbero rimanere in capo agli attuali gestori. Questa, almeno, sarebbe l’intenzione del governo Meloni per regolarizzare la sua posizione con Bruxelles e allo stesso tempo venire incontro alle richieste degli operatori del settore.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.