Condividi

Contrabbando di sigarette tra Sicilia e Tunisia: chiesti 115 anni per 15 imputati

lunedì 18 Luglio 2022

Circa 115 anni di carcere. Sono le richieste dei sostituti procuratori Gery Ferrara e Amelia Luise, nei confronti dei componenti di un’organizzazione composta da tunisini, trapanesi e palermitani che avrebbero organizzato un grosso traffico di sigarette dall’Africa alla Sicilia.

Le indagini dell’operazione “Blue Wave” che significa “Onda Blu”, sono state coordinate dalla Procura Europea (Eppo). Queste le richieste per gli imputati: Vito Agnello, 12 anni di reclusione, Mehdi Ammari, 6 anni di reclusione, Mohamed Baili, 5 anni e 4 mesi di reclusione, Bartolomeo Bertuglia, 10 anni e 8 mesi di reclusione, Francesco Bertuglia, 10 anni di reclusione, Fabio Bruno 8 anni e 8 mesi di reclusione, Alfredo Caruso, 8 anni di reclusione, Giulio Di Maio, 8 anni e 8 mesi di reclusione, Mohamed Hassen Hamza, 6 anni e 8 mesi di reclusione, Said Hamza, 6 anni e 8 mesi di reclusione, Samir Kacem, 6 anni e 8 mesi di reclusione, Giuseppe Giacomo Licata, 6 anni e 8 mesi di reclusione, Antonino Lo Nardo, 8 anni e 8 mesi di reclusione, Walid Mirghli 6 anni di reclusione, Calogero Stassi, 4 anni e 8 mesi di reclusione. Gli imputati sono accusati di far parte di un’organizzazione criminale transnazionale, operante tra la Tunisia e la Sicilia, finalizzata al contrabbando di sigarette provenienti dal Nord-Africa.

Il sistema di trasporto delle “bionde” prevedeva l’invio via mare della merce su imbarcazioni dal Nordafrica, le cosiddette ‘navi madri’, che poi, al limite delle acque territoriali, si incontravano con natanti di piccole dimensioni provenienti dall’Italia, sui quali venivano trasbordate le casse. Le aree risultate maggiormente interessate agli sbarchi sono state il Trapanese – principalmente Mazara del Vallo, Marsala e Campobello di Mazara – ma alcuni eventi sono stati registrati anche nel Siracusano.

Le sigarette, una volta approdate sulla costa, erano stoccate in magazzini nel territorio di Mazara del Vallo, dove poi l’organizzazione palermitana si approvvigionava. A capo dell’organizzazione con articolazioni internazionali era Walid Mirghli per il gruppo con base nel trapanese e Ahmed Zaabi per la Tunisia. Attratti dai guadagni, hanno aderito all’organizzazione anche Samir Kacem, Mehdi Ammari, Francesco e Bartolomeo Bertuglia, Mohamed Baili, Vito Agnello e Giuseppe Licata. Un business, sul quale indagano i procuratori europei Amelia Luise e Gery Ferrara, che avrebbe comportato un danno molto sostanzioso proprio alle casse dell’Ue: 600 mila euro di dazi doganali evasi, oltre 4 milioni e 200 mila euro di accise non versate e circa un milione e 300 mila euro di Iva non corrisposta.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, estate tutta da vivere a Giardini Naxos: turismo, eventi, cultura, arte CLICCA PER IL VIDEO

Con gli assessori comunali di Giardini Naxos Fulvia Toscano e Ferdinando Croce scopriamo sorprese ed eventi di un’estate da boom di turisti

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.