Condividi

Contrabbando di sigarette tra Sicilia e Tunisia: i fermati restano in carcere

giovedì 2 Dicembre 2021

Il gip di Palermo Piergiorgio Morosini ha convalidato i fermi di tre degli indagati dalla Procura Europea (Eppo) nella sua articolazione palermitana per un maxicontrabbando di sigarette.

Per Antonino Leonardo Giulio Di Maio e Fabio Bruno è stata anche disposta la custodia cautelare in carcere. Il gip ha anche convalidato i sequestri disposti dai pm Gery Ferrara e Amelia Luise: un’Audi intestata a uno dei fermati che percepiva il reddito di cittadinanza, due moto e una Smart coupé. Il magistrato ha rigettato l’eccezione di incompetenza delle difese che avevano sostenuto che sui fatti non avrebbe dovuto indagare la Procura Europea e ha riconosciuto l’aggravante della transnazionalità. Le due bande che gestivano il contrabbando operavano tra la Sicilia e la Tunisia. I fermi degli altri otto indagati devono essere convalidati dal gip di Marsala. Uno dei contrabbandieri è latitante. Quello dei pm siciliani è il primo provvedimento di fermo di Eppo dalla sua creazione.

Le indagini, condotte dal nucleo di polizia economico-finanziaria di Palermo Gico con intercettazioni telefoniche e ambientali, appostamenti, pedinamenti e videoriprese, hanno consentito di scoprire due organizzazioni criminali in affari fra loro. La prima, con basi operative nella provincia di Trapani e in Tunisia, si occupava di reperire le sigarette di contrabbando e di organizzare le spedizioni illecite via mare dalle coste africane in Italia. La seconda, nel palermitano, acquistava all’ingrosso le sigarette introdotte in modo illegale per poi destinarle al mercato della vendita al dettaglio nel capoluogo siciliano. Se immesse sul mercato, le sigarette di contrabbando avrebbero fruttato guadagni illeciti per 3,5 milioni di euro, generando un danno per le casse dell’Unione Europea e dell’Erario nazionale di oltre 6 milioni di euro.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Cateno De Luca si racconta a Donna Sarina: “Sono andato nell’aldilà e sono tornato” CLICCA PER IL VIDEO

Ospite della prima puntata del format web de ilsicilia.it “Donna Sarina” è Cateno De Luca, ex sindaco di Messina e leader dell’opposizione

BarSicilia

A Bar Sicilia, Nuccia Albano: “Al fianco dei deboli. Rdc? Siciliani chiedono lavoro”

E’ Nuccia Albano, assessore regionale alla Famiglia, Politiche Sociale e Lavoro, l’ospite della puntata numero 224 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, l’esponente della Dc ha fatto il punto sulle iniziative del Governo a sostegno dei disabili, delle vittime di violenza ma anche sugli interventi a sostegno dell’occupazione

La Buona Salute

La Buona Salute 61° puntata: Cancer Center

La 61^ puntata de La Buona Salute è dedicata al Cancer Center presso l’ARNAS Garibaldi di Catania, con nuovi spazi e tecnologia all’avanguardia per migliorare le prestazioni per i pazienti oncologici

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.