Condividi
La sentenza

Contrasse l’Hiv da un’emotrasfusione infetta, la decisione dei giudici di Catania: “Risarcimento da cinquecentomila euro”

sabato 1 Giugno 2024

Anche il danno da contagio da HIV, oltre a quello da epatite, va risarcito. E va riconosciuto anche al coniuge incolpevolmente danneggiato.

Lo stabilisce una sentenza della Corte d’appello di Catania che, confermando quella di primo grado, ha condannato il ministero della Salute a un risarcimento complessivo di 500mila euro. Il caso riguarda una donna che negli anni ’70 è stata sottoposta a trasfusioni di sangue e che negli anni 2000 ha poi scoperto di essere positiva al virus dell’Hiv e di avere anche contratto l’epatite C.

Da successivi accertamenti è emerso che anche il marito aveva contatto l’epatite C, e non l’Hiv, per contagio dalla moglie. I due coniugi, nel 2018, assistiti dall’avvocato Silvio Vignera, hanno avviato un procedimento civile chiedendo il risarcimento dei danni per le gravissime patologie che derivavano da emotrasfusioni.

Il Tribunale civile di Catania, a conclusione del processo di primo grado, ha emesso una sentenza che ha riconosciuto le ragioni dei coniugi, quindi che anche l’Hiv, come l’epatite, può essere trasmesso da emotrasfusioni e che il successivo involontario contagio del coniuge va anch’esso addebitato alla causa iniziale costituita dalle emotrasfusioni. Decisione poi confermata anche dalla Corte d’appello civile.

Per l’avvocato Vignera “la decisione è di particolare importanza perché viene sancito il principio che il risarcimento dal danno non spetta soltanto alla vittima primaria di un fatto illecito, nella fattispecie la donna che ha contratto l’Hiv e l’Epatite C in conseguenza di trasfusioni, ma anche alla vittima secondaria dello stesso fatto illecito, nel nostro caso al marito che ha poi contratto l’infezione virale dalla moglie“.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.