Condividi

Coronavirus, Triolo (Lega): “Imprenditori in crisi, troppa burocrazia in banca per il fido”

sabato 4 Aprile 2020
Antonio Triolo

“In provincia di Palermo un imprenditore, dopo i roboanti annunci di Conte, va in banca per un fido di 15.000 euro e la risposta sono 60 giorni e migliaia di carte per valutare. Che fare? Finire nelle mani della criminalità? Lui si è rifiutato di abbassarsi a tanto!”. A segnalare questa drammatica vicenda è Antonio Triolo, commissario provinciale della Lega Palermo, con un post su Facebook.

Mi ha mandato la lettera in copia e mi ha raccontato la sua storia e il punto a cui è arrivato per colpa di questa emergenza – racconta il commissario provinciale -: chiedersi se, piuttosto che chiedere aiuto alle banche ed allo Stato, non fosse meglio rivolgersi allo “Zio Totò” di turno (che qui in Sicilia si chiama #mafia ed altrove usuraio) ma, come la si chiami, è feccia che attende chi è in difficoltà come gli avvoltoi volteggiano sui moribondi. Lui ci ha pensato per un attimo e se ne è vergognato anche grazie al pensiero di sua figlia. Non lo farà e lotterà ma vi assicuro che a me sono venuti i brividi a leggerlo e ad ascoltarlo e che tanti rischiano di non avere la sua forza”.

“Pubblico un’immagine della lettera in questo modo per evitare di diffonderne i dati personali ma sappiate che questa è la situazione: mentre Conte va in televisione ogni sera con annunci di misure e provvedimenti inadeguati, imprenditori e partite iva falliscono o rischiano di finire nelle mani di cosanostra“.

“Caro governo – conclude Triolo -, non servono misure confuse e cavilli che solo ad interpretarle ci vogliono eserciti di consulenti, servono soldi in tasca a persone ed imprese e servono subito. Basta annunci, basta burocrazia… soldi subito”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, Settecannoli e riqualificazione della Costa Sud: tra speranze, progetti, degrado e impegno civico CLICCA PER IL VIDEO

Nuova tappa del viaggio de ilSicilia.it tra i quartieri di Palermo alla rubrica “La città chiama…”. Questa volta è il turno di Settecannoli, nella seconda circoscrizione, in cui ricade il lungomare della Costa Sud di Palermo. L’intervista a Sergio Oliva.

BarSicilia

Bar Sicilia, Cracolici: “La mafia ha scelto forme diverse per infiltrarsi nei territori”

Nel nome di Falcone, di Borsellino e dei simboli dell’Antimafia che hanno saputo essere esempio e testimonianza, Cracolici riassume l’attività svolta dal suo insediamento alla guida della commissione sino a oggi

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.