Condividi

Covid, immunità di gregge quasi impossibile: ecco i motivi

venerdì 26 Marzo 2021

È impensabile oggi credere all’immunità di gregge con i vaccini anti-Covid. La sola idea che abbastanza persone sviluppino l’immunità al SARS-CoV-2 per bloccarne definitivamente la trasmissione (immunità di gregge) sta diventando sempre più improbabile. Sono diversi, infatti, i motivi per cui non la si potrà verosimilmente raggiungere, tra i quali la bassa efficacia dei vaccini in tal senso. Fortunatamente però questa non è la sola strada per dimenticarci della pandemia.

Un altro, più realistico modo, di tornare alla normalità, che passa sempre dalle vaccinazioni, è ridurre al minimo le morti e i ricoveri ospedalieri per Covid. In altre parole, il virus continuerà a circolare ma in forma più lieve, senza le perdite che ha provocato fino ad ora.

La soglia per l’immunità di gregge corrisponde normalmente al 60-70% di popolazione vaccinata. Col Covid la situazione cambia. Considerando tempi e problemi delle campagne vaccinali, sono diversi gli scienziati che invitano a rivedere le aspettative: l’obiettivo è tornare alla normalità.

Come si accenna all’inizio, i motivi per cui non si può ottenere l’immunità di gregge sono diversi: bisogna sottolineare subito che i vaccini non sono distribuiti in modo equo. La considerazione sull’iniquità della distribuzione parte dalla differenza tra paesi sviluppati e in via di sviluppo, per proseguire con le differenza all’interno degli stessi Paesi, delle regioni e delle città.

Queste disuguaglianze influiscono sulla possibilità di eliminare definitivamente il virus. Le somministrazioni così effettuate potrebbero dar luogo a parti di popolazione in cui il virus resta più forte. Per parlare poi delle varianti. Certamente queste creano l’impossibilità di un’immunità di gregge, anche perché è necessario considerare che molte non sono vulnerabili ai vaccini.

È fondamentale prendere in considerazione anche tutte le persone guarite dall’infezione. Con il tempo, gli anticorpi neutralizzanti anti-covid calano in chi ha superato l’infezione, ed è molto probabile che anche i vaccini abbiano bisogno di richiami annuali. A ciò si aggiunge che anche i vaccini più efficaci non garantiscono il 100% di protezione contro il virus (tutti i vaccini però proteggono dalle forme più gravi).

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, Settecannoli e riqualificazione della Costa Sud: tra speranze, progetti, degrado e impegno civico CLICCA PER IL VIDEO

Nuova tappa del viaggio de ilSicilia.it tra i quartieri di Palermo alla rubrica “La città chiama…”. Questa volta è il turno di Settecannoli, nella seconda circoscrizione, in cui ricade il lungomare della Costa Sud di Palermo. L’intervista a Sergio Oliva.

BarSicilia

Bar Sicilia, Cracolici: “La mafia ha scelto forme diverse per infiltrarsi nei territori”

Nel nome di Falcone, di Borsellino e dei simboli dell’Antimafia che hanno saputo essere esempio e testimonianza, Cracolici riassume l’attività svolta dal suo insediamento alla guida della commissione sino a oggi

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.