Condividi

Crisi PD, Cracolici rilancia suo movimento: “Pensavano che il mio fosse un urlo isolato, invece…”

sabato 24 Febbraio 2018
cracolici

«Un “fuoco di paglia”. Chi ha fatto spallucce di fronte alle proteste sollevate per la composizione delle liste del PD sperava che il mio voto contrario alla Direzione nazionale, l’unico voto contrario, fosse un urlo isolato che nel giro di pochi giorni sarebbe stato riassorbito dall’incalzare della campagna elettorale. E invece col passare dei giorni lo sconcerto è cresciuto a macchia d’olio, il malessere è andato ben oltre la scontentezza, una parte dei nostri elettori si è accorta di essere sempre più disorientata. I Partigiani del PD, i segretari dimissionari, i Circoli chiusi per dignità… e dall’altra parte candidati che neanche provano a recuperare il rapporto con i territori e si nascondono nelle gelaterie». Così il deputato regionale del PD Antonello Cracolici sul suo account Facebook.

«Stiamo assistendo – prosegue – ad un corto circuito che non riesce ad essere sanato, malgrado la pericolosità di una destra aggressiva e di un populismo inconcludente. Tutto questo avrebbe meritato una battaglia politica decisa e invece la cartina di tornasole delle liste ha reso esplicita la crisi di un PD che ha smarrito la sua funzione di rappresentanza di una parte della società siciliana, e non solo. Il centrosinistra diviso appare fuori gioco, ed il principale attore del centrosinistra stenta ormai perfino ad essere “riconosciuto” da una parte dei suoi elettori. Insomma, il PD più che essere un partito di contenuti appare un contenitore con la sola ambizione di mutare geneticamente se stesso.

So quanta sofferenza sta provocando in migliaia di militanti questa situazione, l’essere costretti a balbettare piuttosto che impegnarsi anima e corpo in campagna elettorale. Non so quale sarà l’esito del voto del 4 marzo. Una cosa però mi è chiara: non basterà un congresso a risolvere i problemi che il PD ha davanti a sé, e non saranno di certo le percentuali delle singole aree che ridaranno un’anima al partito, in Sicilia e in Italia.

O si ricostruirà, se ci saranno le condizioni, la casa degli uomini e delle donne del centrosinistra nel rispetto sacro delle sensibilità, oppure un contenitore dedito al trasformismo non servirà a restituire al PD una prospettiva politica.

Io farò la mia parte: subito dopo il 4 marzo rimetterò in cammino l’associazione DEMOS, Democratici Siciliani, insieme con quanti vorranno ridare senso alla politica e ricostruire una speranza per un centrosinistra competitivo, coerente con la propria storia e capace di interpretare la domanda di rinnovamento della nostra società e della nostra gente. Lo devo a me stesso, alla nostra storia, ai tanti amministratori che svolgono con onestà e dedizione il loro ruolo forse nel momento più difficile della vita pubblica di questo Paese. Sarà una sfida difficile, ma al tempo stesso entusiasmante. Sarà un nuovo inizio. Altro che un “fuoco di paglia”…»

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.