Condividi

La versione di Saro. Il discorso sul metodo e il vero obiettivo di azzerare tutto

mercoledì 30 Agosto 2017

Una cosa è sicura, Crocetta oggi, in conferenza stampa non ha voluto stupire “con effetti speciali”.

Anzi, forse anche dopo una lunga maratona notturna con i suoi consiglieri più fidati, il governatore siciliano alla fine ha teso la mano al suo partito, mostrando il bastone e la carota: “Se qualcuno pensa che Rosario Crocetta sia l’ideologo della divisione del centrosinistra, si sbaglia alla grande”.

Per Crocetta, che parla di sé in terza persona, e prova a guardare oltre l’ostacolo, “la democrazia è una cosa seria”.

Ma allora qual è il vero obiettivo del presidente della Regione uscente, oltre alla richiesta di improbabili (per ragioni di tempo e organizzative) primarie?

E se Crocetta puntasse ad azzerare la candidatura di Micari, uscita dalla segreteria regionale di lunedì scorso, per rivendicare un punto d’onore e uscire di scena in questa maniera?

Certo, per trovare un candidato ‘terzo’ che consenta a Crocetta di farsi da parte, pareggiando sul metodo la fuga in avanti della coalizione nei suoi confronti, ci vorrebbe un miracolo, di uomini, tempi e situazioni. Le liste dovrebbero chiudersi più o meno entro un mese.

Alchimie improbabili, almeno fino a quando non si compiono. Ma  anche in politica la partita finisce al novantesimo minuto, anzi dopo i tempi di recupero e pertanto è bene attendere ancora qualche giorno per capire se l’ex “sindaco dei siciliani” darà corso alle cose, facendo nascere “il governo del presidente”, oppure andrà avanti con le sue liste, o ancora verrà a più miti consigli.

Il messaggio nella bottiglia lanciato è già giunto a chi di dovere. Bisogna adesso capire, quanti tra i Dem –“Nessuno tocchi Raciti”– ha ribadito Crocetta, saranno disposti a mettere mano a una profonda, forse fin  troppo, revisione delle cose.

Se infatti nella versione di Saro sono stati Orlando e Cardinale a intestarsi la sponsorizzazione di Micari“Una persona per bene per carità, ma del resto chi non lo è”, ha minimizzato Crocetta, adesso, in tempi di reazione velocissimi, bisognerà capire, se e chi, batterà un colpo tra i democratici.

Il tempo scorre e Crocetta non attenderà all’infinito.

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.