Condividi

Dopo 5 anni il capo della DIA Catania lascia: andrà a Nuoro

giovedì 2 Maggio 2019
Renato Panvino DIA Catania
Renato Panvino

“La promozione del capo centro della DIA di Catania, Renato Panvino, a questore vicario di Nuoro riconosce il valore di un importante protagonista della lotta alla criminalità e alla mafia, ma priva il nostro territorio di un autorevole riferimento. Le azioni di contrasto alla malavita organizzata che il capo centro ha portato avanti negli ultimi anni, insieme alla sua squadra, hanno permesso al territorio di rialzare la testa e di uscire dalla spirale di azioni criminose e collusioni con ambienti politici e istituzionali che per anni ne hanno bloccato la crescita e il sano sviluppo”.

Lo afferma Nicola D’Agostino, capogruppo di Sicilia Futura all’Ars e componente della Commissione regionale Antimafia.

“Innumerevoli – prosegue – sono state le azioni che la DIA di Catania ha portato a compimento, anche nei confronti di personaggi di rilievo del mondo politico e amministrativo: le sue inchieste hanno riguardato diversi settori della pubblica amministrazione, dalla sanità, ai rifiuti, al CAS, ai mercati ortofrutticoli. Averlo avuto ospite in commissione Antimafia ci ha permesso di comprendere appieno sforzi, responsabilità e rischi di chi sta sul campo operativamente. Al suo attivo, anche centinaia di milioni di euro sequestrati alla malavita. Usando le parole del procuratore Zuccaro, la lotta alla mafia, a Catania “ha richiesto un impegno delle forze investigative qualificate nel contrasto alla criminalità non soltanto militare, ma dei colletti bianchi, scoprendo dei santuari fino a quel momento intoccabili innescando un nuovo corso nella lotta alla mafia”.

Nicola D'AgostinoÈ con sincera gratitudine che porgiamo quindi i nostri migliori auguri di buon lavoro al dottore Panvino, personaggio di poche parole, riservato e lontanissimo dai salotti siciliani, il cui lavoro e i cui brillanti risultati hanno alimentato la fiducia dei cittadini verso le istituzioni, e il cui esempio di coraggio rimarrà forte e duraturo in questa nostra città. Auspichiamo che il Ministro dell’Interno sostenga l’azione avviata dal Procuratore Zuccaro con il cosiddetto “modello Catania”, esaudendo le richieste dallo stesso formulate ai vertici delle forze dell’ordine. Occorre confermare e garantire sostegno di un modello di lavoro che si fa carico della gravosa e inedita battaglia avviata in questi ultimi anni per ridimensionare il peso delle organizzazioni criminali che si annidano nei palazzi e che hanno, con le loro azioni, danneggiato la collettività siciliana: utilizzando anche apparati dello Stato per ostacolare l’ascesa di funzionari pubblici e imprenditori onesti che avevano avuto come sola colpa quella di non inchinarsi ad alcune volontà politiche compromesse”. 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia a Torre del Faro (ME): “Ecco il Ponte che verrà” CLICCA PER IL VIDEO

Maurizio Scaglione e Giuseppe Bianca con Bar Sicilia sono a Torre del Faro dove, insieme al presidente dell’ordine degli architetti Giuseppe Falzea e un altro tecnico messinese, l’ingegnere Peppe Palamara, illustrano tutto quello che verrà per quanto riguarda la parte tecnica e le premesse logistiche sui luoghi nella vicenda che riguarda il ponte sullo Stretto…

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.