Condividi

Federalberghi vince al Tar contro Airbnb: obbligatorio riscuotere la cedolare secca

lunedì 18 Febbraio 2019
airbnb

“Airbnb deve riscuotere la cedolare secca e comunicare all’Agenzia delle Entrate i nomi e i redditi dei locatari”. Lo annuncia Federalberghi, che ha avuto la meglio al Tar del Lazio nella battaglia legale contro Airbnb. Il tribunale amministrativo del Lazio ha respinto, infatti, il ricorso di Airbnb sugli affitti brevi e il portale ora dovrà riscuotere la cedolare secca.

Non ci sono più alibi per chi, da quasi due anni, si prende gioco delle istituzioni”, evidenzia in una nota Federalberghi. “D’altro canto – dicono gli albergatori – non si vede quali motivi impediscano la riscossione, considerato che il portale già svolge, sia in Italia (per conto di alcuni comuni) sia all’estero, attività simili a quelle che vengono contestate, e che addirittura informa pubblicamente gli host italiani del fatto che potrebbe essere chiamata a riscuotere imposte e raccogliere dati“.

Italo Mennella
Italo Mennella

“Giustizia è fatta – afferma il presidente di Federalberghi Taormina, Italo Mennella –, accogliamo con soddisfazione questa sentenza che ristabilisce un principio di giustezza e rappresenta un segnale importante nella battaglia da tempo intrapresa da Federalberghi contro la concorrenza sleale sul mercato”.

“Secondo quanto dichiarato in giudizio da Airbnb – spiega Federalberghi le somme da versare annualmente in Italia, rapportate ai ricavi del 2016, sarebbero state pari a circa 130 milioni di euro. Considerando che nel frattempo il numero di annunci pubblicato sul portale è cresciuto a dismisura (222.787 ad agosto 2016, 397.314 ad agosto 2018), si può stimare che nei primi 18 mesi di (mancata) applicazione dell’imposta Airbnb abbia omesso il versamento di più di 250 milioni di euro”.

Il Tar, “nel dichiarare infondate le doglianze di Airbnb”, ha ricordato che gli intermediari sono “sanzionabili per le omesse o incomplete ritenute da effettuare a partire dal 12 settembre 2017 e da versare entro il 16 ottobre 2017″.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, estate tutta da vivere a Giardini Naxos: turismo, eventi, cultura, arte CLICCA PER IL VIDEO

Con gli assessori comunali di Giardini Naxos Fulvia Toscano e Ferdinando Croce scopriamo sorprese ed eventi di un’estate da boom di turisti

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.