Condividi

Femminicidio di Nubia. L’uomo era stato condannato al mantenimento per 300 € al mese

lunedì 21 Novembre 2016
SCENA DEL CRIMINE

L’uomo arrestato per il femminicidio di Nubia era stato condannato dal tribunale di Trapani a corrispondere alla moglie un assegno di mantenimento di 300 al mese. L’udienza si era svolta il 7 novembre e giungeva al culmine di una relazione parecchio conflittuale. E’ questo il contesto nel quale è maturata la morte di Anna Manuguerra, casalinga di 60 anni uccisa a coltellate dal marito Antonino Madone, nel pomeriggio di ieri nella frazione di Paceco, nel trapanese. L’episodio è avvenuto al termine di un forte litigio nella casa dei due, che – secondo il provvedimento giudiziario – era accessibile ad entrambi i coniugi nonostante la donna avesse deciso di trasferirsi a casa della madre ottantenne. Venerdì i due avevano avuto una lite furibonda, al termine della quale il legale le aveva consigliato di denunciare l’episodio all’autorità giudiziaria.  La donna avrebbe preferito evitare, ponendo fiducia nel giudizio del Tribunale civile.

carabinieri-gruppo-604x270

L’episodio si inserisce tra i numerosi casi di femminicidio. Sono 3 milioni 466 mila – secondo la onlus “Le Onde”–  le donne che hanno subìto stalking e di queste, 1 milione 524 mila dal partner o dall’ex, aggiungendo che “le donne della fascia di età 50-59 ed i giovani maschi 18-29 ritengono che tra marito e moglie non si possa mai parlare di violenza sessuale, mentre le ragazze coetanee ritengono che il marito respinto abbia diritto a gesti di forza”

Nell’immediato il caso è balzato su tutti i siti online con un transito incontrollato, spingendo il legale nominato dai figli della coppia a chiedere alcune rettifiche. A partire dal momento in cui Antonino Madone, carpentiere di 60 anni, avrebbe confessato di aver ucciso la moglie. L’uomo, in seguito al fatto, si sarebbe diretto in un ristorante per consumare un pasto con i vestiti ancora sporchi di sangue. Sul luogo, secondo alcune testate, ci sarebbe stato anche il figlio ma l’avvocato di parte civile, Vincenzo Maltese smentisce dicendo che “appresa la notizia dalla nonna, il figlio della Manuguerra, si è precipitato subito a casa della madre e lì è rimasto fino all’arrivo dei soccorsi. Massima fiducia negli inquirenti e nella magistratura, accanto alla pubblica accusa come parte civile i familiari chiedono solo giustizia per l’atroce morte della madre”. Resosi conto del fatto il proprietario del ristorante ha allertato i carabinieri che hanno arrestato l’uomo, adesso trasferito nel carcere di San Giuliano.

Secondo l’ispezione medico-legale la donna sarebbe stata uccisa con oltre venti coltellate, tra l’addome e il petto, l’accusa è di omicidio e in queste ore il sostituto della Procura di Trapani, Antonio Sgarrella sta ascoltando i figli della coppia. Domani ci sarà l’autopsia affidata al professore Paolo Procaccianti e la convalida del fermo da parte del Gip (Giudice per le indagini preliminari)

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, truffa sui carburanti: 13 indagati e sequestro beni da 25 milioni CLICCA PER IL VIDEO

I sequestri sono stati eseguiti nelle province di Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria. L’indagine, condotta dalle unità dei gruppi Tutela finanza pubblica del nucleo Pef della Guardia di finanza di Catania e Operativo regionale antifrode dell’Adm ha riguardato due distinti gruppi.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.