Condividi

Formazione, da bancomat della politica in Sicilia a mondo di conflitti senza fine

venerdì 10 Agosto 2018
formazione professionale

“Sulla Formazione professionale fino a questo momento sono caduti più assessori che enti”. La battuta, velenosissima e di pessimo auspicio, circolava più o meno un anno fa, alla vigilia della campagna elettorale per le elezioni regionali. Metteva a fuoco, esagerandola e dilatandola, una parte oggettiva di verità.

La tempesta perfetta dell’Avviso 8, il bando della Formazione professionale da 136 milioni di euro, caratterizzato da una miriade di ricorsi contrapposti che di fatto ne hanno paralizzato l’andamento, è solo una delle vicende che forniscono il corretto indicatore di quanto conflitto ci sia stato  in un mondo che di suo, già vanta un primato di contraddizioni non indifferenti. L’appesantimento dei tempi e la ulteriore burocratizzazione della procedura relativa ai bandi sono state una delle costanti.

Oggi che si litiga, almeno in parte, di meno rispetto al recente passato, la aspettative riprendono da parte degli enti riprendono a lievitare in maniera sostanziale.

Anche l’ex assessore Bruno Marziano in passato aveva tentato con il governo “amico” del centrosinistra, una via breve che desse garanzie ai precari del settore, e ancor di più agli esodati  a cui garantire lo scivolo. Senza riuscirci. Ecco perché, il tentativo di interlocuzione romana da parte della Sicilia rischia di nascere già morto in tal senso.

Le burocrazie e i governi romani vedono di pessimo occhio una settore che conta ottomila lavoratori. E se nella sua lettera al ministro Di Maio, il governatore siciliano Nello Musumeci ha evitato di entrare nel merito dei metodi di reclutamento del personale, sovrastimato, come egli stesso riconosce, ma ha posto la questione delle soluzioni (economiche) anche al governo nazionale, la cosa in sé non costituisce un vantaggio di posizione.

All’assessore Roberto Lagalla va riconosciuta la capacità di intestarsi mediazione e soluzioni, ma le vicende del settore negli ultimi anni insegnano che tra vincitori e vinti, nel mondo della Formazione professionale siciliana, lo scarto è breve e il passo è corto.

Ecco perché, risorse economiche da reperire e prepensionamenti a parte, una legge di settore che riformi in maniera qualificante  le cose, potrebbe essere un discriminante in più per evitare di galleggiare pericolosamente in uno dei mondi più incontentabili della Sicilia.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.