Condividi

Gelarda buttato fuori dalla Lega. Minardo: “Non commento. Parlino i vertici di Palermo”

lunedì 11 Luglio 2022
Nino Minardo

Buttato fuori solo per avere osato criticare la dirigenza Siciliana della Lega e avere chiesto di tornare a occuparci dei bisogni della gente”, così commenta l’ex capogruppo del Carroccio a Sala delle Lapidi, Igor Gelarda, in un lungo post su Facebook.

Il Sicilia.it ha raggiunto telefonicamente il segretario regionale della Lega Nino Minardo che ha detto “Sono a Roma, preferisco non commentare. Della questione se ne occupano i vertici palermitani”.

 

Igor Gelarda

Depennato dalle chat ufficiali di partito, per aver sollevato delle critiche di Minardo, secondo quanto riportato dallo stesso Gelarda, e per questo attaccato dalla deputazione salviniana all’Ars. “L’onorevole Minardo mi ha personalmente cacciato via dalla chat della Lega Sicilia”, ha ribadito l’ex consigliere al Comune di Palermo.

Probabilmente, a scatenare l’ira dei big è stata la riflessione su quello che è stato il risultato di Prima l’Italia sul fronte delle scorse amministrative del capoluogo siciliano, che hanno proclamato Roberto Lagalla sindaco di Palermo a primo turno. La Lega, da un risultato incredibile del 21% alle europee di 3 anni fa, è passata ad un debole 5% su Palermo. Forse è il segnale di un partito che in Sicilia non è più attrattivo, “non incarna più quella forza di rottura con la mala politica siciliana che la gente si aspettava”, aveva detto Gelarda, in un altro post social.

Dopo oltre quattro anni in questo partito, quattro anni di grande attività su strada e di vera opposizione al sindaco Orlando, ma anche di forti critiche che mi hanno fatto i cittadini per essermi associato al partito di Matteo Salvini, oggi vengo buttato fuori malamente. Sono stato prima oggetto di un pesantissimo attacco politico da parte dei maggiorenti Siciliani di Lega/Prima l’Italia e adesso buttato fuori da tutte le chat ufficiali di partito, solo per avere osato criticare il segretario regionale del partito Nino Minardo“.

La mia colpa è di avere chiesto un’azzeramento dei vertici e una riorganizzazione del partito dopo la pessima figura delle comunali di Palermo e di Messina (dove abbiamo superato il 5% Per una manciata di voti). E soprattutto ho chiesto che il partito tornasse a parlare dei bisogni dei cittadini che non riescono più ad arrivare a fine mese. Buttarmi fuori è stata la reazione.

Io non sono uno Yes man, non ho paura di dire quello che penso. Ho sempre difeso la mia città e la mia isola e continuerò a farlo, senza scendere a compromessi. Non voglio incarichi voglio liberare questa terra.
Ho solo paura dei politici che si allontanano dal bisogno dei cittadini. Come purtroppo ha fatto il partito di Matteo Salvini in Sicilia.
Faccio l’ultimo appello a Salvini di azzerare tutto in Sicilia e di ripartire dalla gente. La mia storia politica non è compatibile con un partito che ama più i palazzi che non i cittadini”.

Guarda il link

https://www.facebook.com/100044183151919/posts/595498838599549/

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il popolo del Reddito di Cittadinanza in rivolta a Palermo: “Meloni, non siamo parassiti” CLICCA PER IL VIDEO

Numerosi percettori del reddito di cittadinanza si sono riuniti per protestare contro la riforma del governo Meloni

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.