Condividi

La nuova guerra fredda fra Orlando e Musumeci e i duelli paralleli di burocrazie poco diplomatiche

lunedì 16 Aprile 2018
Musumeci Orlando

Qualcuno – di rancorosi e odiatori del possibile non ne mancano mai – anche dalle nostre parti, gufava di brutto, carico di invidia e sorpreso dal recente feeling mostrato tra Nello Musumeci  e Leoluca Orlando nei giorni scorsi ha esultato facendo la ola.

I rapporti, fino a qualche settimana cordiali e brillanti, tra il presidente della Regione e il  sindaco di Palermo e presidente di Anci Sicilia, hanno ricevuto un significativo colpo nei giorni scorsi. Orlando, dopo avere convocato di sabato mattina una conferenza stampa per precisare, a suo avviso, fatti e criticità, ha annunciato di aver presentato un esposto alla Procura dopo i danneggiamenti subiti all’impianto di trattamento meccanico biologico di Bellolampo. Il sindaco di Palermo non ha perso l’occasione per : “esprimere chiaramente il disappunto”,  e intanto ha indirizzato tre lettere alla Corte dei conti, alla Procura di Palermo, all’assessore regionale all’Energia Alberto Pierobon.

Ma qual è l’oggetto del contendere? Quale il vero dissenso? In brutale sintesi un proverbiale gioco delle parti, con variante annessa di ‘scaricabarile’ tra le due amministrazioni. A metterci il ‘carico’, il dirigente generale Salvo Cocina della direzione regionale di viale Campania a Palermo, che, come in occasione della crisi idrica, poi svanita quasi quanto l’acqua nelle dighe, per cui Orlando chiedeva e non otteneva aiuti e risorse finanziarie da Roma, ha messo in discussione, facendo notare più di un’obiezione tecnica sull’operato e  le scelte dell’amministrazione comunale.

Le due burocrazie, regionale e comunale di Palermo, non si amano. Inutile negarlo. Una storia di rapporti difficili, messi a volte anche nero su bianco, come nel caso del disappunto della Regione, manifestato nel corso degli anni scorsi sull’utilizzo della condotta di Scillato

Ma l’entrata a gamba tesa di Orlando ha richiesto una (svogliata) replica del governatore siciliano, che ha pure dovuto vestire i panni della sorpresa istituzionale: “Le dichiarazioni del sindaco di Palermo appaiono inspiegabili nei toni e nei contenuti. La recente condotta della Rap è oggetto di una attenta valutazione da parte degli uffici della Regione, senza alcun pregiudizio. Le strutture regionali sono state collaborative e continueranno a esserlo. L’unico nostro interesse è far rispettare il cronoprogramma concordato e riuscire ad assicurare, finalmente, ai cittadini un servizio efficiente e adeguato”

Musumeci del resto non vuole entrare più di tanto nelle guerre del passato e punta più a scongiurare quelle del presente, ma quando Orlando prova a togliere il tempo a interlocutori e avversari, non è mai per caso.

Attendiamo pertanto nuovi capitoli  senza escludere nuovi fatti. Anche in tempi brevi.

 

 

 

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Cateno De Luca si racconta a Donna Sarina: “Sono andato nell’aldilà e sono tornato” CLICCA PER IL VIDEO

Ospite della prima puntata del format web de ilsicilia.it “Donna Sarina” è Cateno De Luca, ex sindaco di Messina e leader dell’opposizione

BarSicilia

Bar Sicilia, Pagana e le sfide del suo assessorato. “Chiarezza su CTS, parchi, balneari e Arpa. FdI? In atto confronto costruttivo” CLICCA PER IL VIDEO

Elena Pagana, assessore regionale al Territorio e all’Ambiente, è l’ospite della puntata numero 225 di Bar Sicilia. Intervistata da Maurizio Scaglione e Marianna Grillo, Pagana ha parlato della Cts, del futuro dei Parchi siciliani, di Arpa, balneari e, in quanto dirigente di Fratelli d’Italia, ha fatto il punto sullo stato di salute del partito guidato…

La Buona Salute

La Buona Salute 61° puntata: Cancer Center

La 61^ puntata de La Buona Salute è dedicata al Cancer Center presso l’ARNAS Garibaldi di Catania, con nuovi spazi e tecnologia all’avanguardia per migliorare le prestazioni per i pazienti oncologici

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.