Condividi

Legambiente: “Clima di omertà sugli incendi a Taormina e Castelmola”

lunedì 3 Ottobre 2022

L’interminabile sequenza di incendi in atto nel comprensorio taorminese ormai da diversi mesi fa paura e fa anche discutere. Legambiente Taormina-Valle Alcantara ha sottolineato sui gravi fatti che si ripetono e che hanno portato già ad oltre 30 roghi dall’estate ad ora, un clima di “omertà”. L’attenzione viene posta sui vari incendi avvenuti (e continuano a verificarsi) nel territorio di Taormina, Castelmola e Giardini.

Si tratta di episodi in molti casi dolosi, la vicenda si avvia a finire sul tavolo della Prefettura di Messina e i residenti hanno tanta paura in vista della stagione ormai prossima delle piogge in cui le fiamme rischiano di lasciare spazio alle colate di fango.

“Sino a quando i parenti ed i conoscenti dei piromani fanno muro omertoso attorno agli stessi non andiamo da nessuna parte – spiega la presidente del Circolo Legambiente Taormina-Valle Alcantara, Annamaria Noessing -. Le micce dove vengono preparate? In casa, nelle stalle, nei magazzini? Non basta un fiammifero ad innescare un incendio, per essere rapidi, preparano le micce prima e le buttano rapidamente passando in macchina. Genitori, parenti, amici non vedono? Non sanno? Non è possibile, ci sono i piromani e ci sono i loro complici, attivi o passivi che siano e anche questi vanno scovati e devono pagare per i danni che fanno, per lo spreco di risorse per gli interventi, le coltivazioni distrutte dal fuoco e dall’acqua salata gettata per spegnere le fiamme”.

“Tutto questo – continua Noessing – ha un costo ed è ora che si metta in conto a chi crea il danno, per gioco o per tornaconto. Chiediamo alle Forze dell’Ordine di indagare, altrimenti poi nascono le faide, come anni fa, quando qualcuno dopo gli incendi ha avvelenato i cani di un pecoraio. Non sono i cittadini a doversi fare giustizia sommaria da loro, sono gli enti preposti che devono affrontare e risolvere questa emergenza”.

Noessing sollecita i Comuni di Taormina, Castelmola, Giardini e della Valle dell’Alcantara, affinché si proceda nella direzione di un catasto degli incendi e quindi delle aree colpite dai vari incendi. “Mappare le zone del percorso: questo è il lavoro che va fatto – aggiunge la presidente di Legambiente -, questo è il lavoro che i comuni sono chiamati a fare per legge, dimostrando finalmente che sono intenzionati a combattere il fenomeno degli incendi, tutte le altre sono soltanto chiacchiere”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
BarSicilia

A Bar Sicilia l’assessore regionale Scarpinato: “Ecco il nostro Turismo 4.0” CLICCA PER IL VIDEO

E’ Francesco Scarpinato, l’ospite della puntata numero 217 di Bar Sicilia. L’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo ha parlato del futuro della Sicilia e dei progetti legati al settore che è considerato il volano dell’economia dell’Isola. A intervistarlo, come sempre, il direttore Marianna Grillo e l’editore Maurizio Scaglione. Scarpinato raccoglie un’eredità importante lasciata dall’ex…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.