Condividi

Lettera dei lavoratori WindTre: “Tutelare i diritti e le professionalità di tutti”

domenica 11 Giugno 2017
windtre

Chiedono lavoro e dignità. Dicono no alla cessione del ramo d’azienda del servizio “Customer Care” WindTre – ex H3G e per questo chiedono ai leader di Cgil, Cisl e Uil il blocco delle procedure per tutelare diritti e professionalità dei lavoratori del call center di Genova, Cagliari, Roma e Palermo, che temono di perdere il lavoro.

Gli operatori delle quattro sedi del neonato colosso hanno deciso di inviare una lettera appello ai segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Annamaria Furlan e Carmelo Barbagallo, nella quale ricostruiscono fasi e tappe che hanno traghettato le due società (H3G e Wind) a fondersi e H3G dando vita a WindTre, “primo operatore nazionale – scrivono – per numero di clienti, che vuole investire in Italia e rimanere leader nel settore”.

Intanto per il 14 giugno hanno proclamato uno sciopero per difendere i propri diritti.

“Non si riesce a comprendere l’intenzione dell’azienda a procedere all’esternalizzazione del servizio clienti consumer ex H3G (133), mediante lo strumento giuridico della cessione del ramo di azienda – si legge nella missiva – Si parla di esternalizzare e pertanto di precarizzare il lavoro attraverso un meccanismo futuro di aggiudicazione di gare al massimo ribasso che inevitabilmente si ripercuoteranno sul lavoratore”.

“Abbiamo acquisito una professionalità – aggiungono i dipendenti – che solo pochi altri operatori possiedono, nel corso degli anni ci siamo specializzati in vari ambiti. Ci rivolgiamo – aggiungono – quindi, proprio a voi, per la tutela del nostro futuro, e per la difesa da questi giochi di potere, a voi chiediamo di opporvi con fermezza e di far valere la voce di ogni singolo lavoratore, in ogni sede istituzionale. Non è bastata Almaviva? La vertenza Gepin? Il fallimento di Omnia network?”.

“Ancora con più forza – concludono – vi chiediamo che l’unica intesa che l’azienda può individuare con il sindacato è la rinuncia a questa cessione del ramo d’azienda, l’unica vera garanzia a tutela dei dipendenti coinvolti”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

BarSicilia

Bar Sicilia, Razza pronto a correre per un seggio a Strasburgo: “L’Europa entra sempre più nella vita dei siciliani” CLICCA PER IL VIDEO

Prima di affrontare la campagna elettorale che separa i siciliani dal voto del prossimo 8 e 9 giugno, Razza fissa la sua marcia d’avvicinamento all’obiettivo delineando concetti e misurando il feedback con i propri elettori

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.