Condividi

Almaviva Palermo perde una commessa e mette in discussione il piano di rilancio

giovedì 5 Luglio 2018
Almaviva

Si fa buio il futuro dei 3.400 dipendenti del call center Almaviva di Palermo. Dopo le schiarite delle ultime settimane, che avevano visto la sigla di diversi accordi con le organizzazioni sindacali, ad eccezione della Slc Cgil, arriva come un temporale improvviso la nota dell’azienda che mette in discussione la prosecuzione della definizione del piano di rilancio del sito siciliano a seguito della perdita della commessa Octo Telematics, che a Palermo impegna 47 lavoratori. Un numero relativamente basso che, secondo i sindacati, non dovrebbe cambiare di molto il corso della vertenza, ma per Almaviva le cose stanno diversamente.

Tutto il percorso fatto fino ad oggi, quindi, rischia di essere vanificato. Per Almaviva, infatti, questa contrazione dei volumi di lavoro comprometterebbe il buon esito della trattativa, che prevede anche l’intervento della Regione Siciliana per il finanziamento delle attività di qualificazione professionale del personale. Una doccia fredda per i lavoratori e per quei sindacati che, seppur prevedendo altri sacrifici, avevano faticosamente lavorato ad un’intesa per tentare di ridurre i 724 esuberi e salvare quanti più posti di lavoro possibile. Dal primo luglio scorso, invece, fa notare la società, gli esuberi sono diventati 771. Una situazione aggravata dal fatto che il committente e la nuova azienda che gestirà il servizio non avrebbero rispettato la normativa vigente sul cambio appalti nei call center, nonchè l’applicazione delle clausole sociali per tutelare i lavoratori. Su questo le organizzazioni sindacali chiedono che siano fatte le verifiche del caso.

Meno sorpresa, invece, l’Slc“I nostri timori erano fondati. Ancora una volta constatiamo che l’azienda continua a spremere i lavoratori senza dare certezze. Per l’ennesima volta vediamo naufragare i propositi di rilancio”, dichiara il segretario generale Slc Cgil Palermo  Maurizio Rosso. Come sosteniamo da tempo,  Almaviva continua a non rispettare gli accordi e soprattutto non poggiare il futuro dei lavoratori  del sito di Palermo su prospettive industriali serie, costruite con la collaborazione delle istituzioni e del sindacato. I destini dei lavoratori del call center Almaviva non possono essere legati alla durata delle commesse. Non sono dipendenti della commessa Tim, Wind o Alitalia, ma lavorano per una  multinazionale che dovrebbe invece allargare gli orizzonti nel settore dei servizi, radicare l’azienda nel territorio e creare occupazione”. 

Infine, un’ultima stoccata da parte della Cgil: “Ci fa piacere per il Trentino l’apertura di un insediamento per le smart factory, di un nuovo polo hi-tech incentrato sulle sinergie tra enti, territorio e aziende ma ci sgomenta sapere che non c’è un impegno del genere per Palermo”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Francesco Zavatteri: “Giovani fuorviati dal crack, crea una barriera insormontabile” CLICCA PER IL VIDEO

L’intervista de ilSicilia.it a Franco Zavatteri, padre di Giulio, giovane artista palermitano, ucciso da un’overdose di crack all’età di 19 anni il 15 settembre 2022. Il ricordo del figlio, l’impegno quotidiano per sensibilizzare sul tema delle droghe nelle scuole, l’importanza di strutture sul territorio come la “Casa di Giulio” e il centro di pronta accoglienza…

BarSicilia

Bar Sicilia, Di Sarcina e la rivoluzione dei porti del mare di Sicilia Orientale CLICCA PER IL VIDEO

Dal Prg del porto di Catania ai containers ad Augusta, passando per lo sviluppo di Pozzallo e l’ingresso di Siracusa nell’AP, il presidente Di Sarcina spiega obiettivi e progetti

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.