Condividi

Il piano industriale di Unicredit è “lacrime e sangue”, a rischio 400 posti in Sicilia

mercoledì 14 Dicembre 2016
unicredit

Nel pieno della tempesta Mps (Monte dei Paschi di Siena) e delle continue fibrillazioni del sistema bancario italiano con i titoli sull’ottovolante ormai da tempo, UniCredit annuncia un piano industriale lacrime e sangue. L’impatto sul personale del documento presentato alle organizzazioni dei lavoratori è devastante: 6.500 esuberi netti entro il 2019, 3.900 solo in Italia. Prevista la chiusura di 800 filiali. A ciò si aggiungono le cessioni già concordate dell’intera partecipazione in Pekao e Pioneer, oltre alla dismissione già finalizzata dell’Ucraina e della partecipazione di UniCredit del 30% in Fineco. Pesante il contraccolpo in Sicilia, i sindacati calcolano tra i 400 e 450 esuberi. Di colpo, dunque, risale la tensione in uno dei gruppi bancari più importanti nel Paese. Il piano, denominato ‘Transform 2019″, prevede un miglioramento della struttura finanziaria del gruppo attraverso un aumento di capitale in opzione da 13 miliardi di euro, che sarà sottoposto all’approvazione di un’assemblea straordinaria degli azionisti convocata per il 12 gennaio prossimo. Il gruppo per quest’anno non staccherà dividendi, con una politica di distribuzione cash pianificata per gli anni successivi del 20-50%.

“Non conosciamo in dettaglio i numeri che riguardano la Sicilia”, dice Gabriele Urzì della segreteria nazionale First Csil del gruppo Unicredit e componente della delegazione che sta trattando con la holding. “Ci riserviamo una valutazione compiuta nei prossimi giorni appena ne saremo in possesso, ma è ragionevole pensare che almeno un 10/15% dei tagli del personale (in Sicilia l’età media dei dipendenti è elevata) e delle dipendenze si registrerà nell’isola”. Unicredit ha circa 360 filiali in Sicilia e poco più di 4.000 dipendenti. “Ci preoccupa molto la riproposizione della ricetta dei tagli, che ha caratterizzato anche i precedenti piani industriali – aggiunge Urzì – Le riduzioni dei costi devono partire dalle tante, troppe consulenze esterne dalle spese legali e da operazioni di marketing superflue. E’ indispensabile, inoltre, garantire adeguate tutele al personale in esubero, e un turn over di personale con delle assunzioni che in Sicilia non avvengono da oltre dieci anni. Fa sorridere amaramente sentire parlare di digitalizzazione e pensare di non immettere nuove risorse a sostegno di tale trasformazione o destinarle solo ad alcune aree di questo Paese”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia, Dipasquale (Pd): “Fronte compatto contro il governo Schifani” CLICCA PER IL VIDEO

Due volte sindaco di Ragusa e deputato regionale del Pd, all’Ars dal 2012, Nello Dipasquale, è ospite questa settimana a Bar Sicilia.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.