Condividi

Mafia: scarcerata anche la moglie del boss Lo Piccolo

mercoledì 6 Maggio 2020
Salvatore e Sandro Lo Piccolo
Salvatore e Sandro Lo Piccolo

C’è anche Rosalia Di Trapani, 72 anni, moglie del boss mafioso palermitano Salvatore Lo Piccolo e madre di Sandro anche lui mafioso, ergastolani, tra i detenuti che sono stati scarcerati in questi giorni per andare agi arresti domiciliari.

La donna era stata condannata a otto anni di carcere per estorsione aggravata dal metodo mafioso e dall’agevolazione di Cosa nostra al Mercatone della carne di Palermo.

Di Trapani, secondo l’avvocato Marcello Trapani, procuratore sportivo finito in carcere per mafia e poi diventato collaboratore di giustizia, curava gli interessi del gruppo Lo Piccolo, al vertice di cosa nostra palermitana, per conto del marito e del figlio, all’epoca latitanti.

Tra gli altri scarcerati vi sono anche il presunto mafioso di Gela Vincenzo Mulè, 58 anni, detto Enzo l’americano, che farebbe parte del gruppo mafioso dei Rinzivillo, e Giacomo Teresi, 74 anni, mafioso del quartiere palermitano di Brancaccio. Nella sua macelleria le microspie degli investigatori captarono un progetto di attentato nei confronti dell’ex procuratore a Palermo Gian Carlo Caselli.

A casa è andato anche il killer ergastolano Antonino Sudato, mafioso siracusano del clan Nardo-Aparo che avrebbe partecipato alla guerra di mafia della sua zona negli anni dal ’90 al ’94.

Ai domiciliari anche i boss Antonino Sacco, 65 anni, con varie condanne per mafia e estorsioni, il catanese Francesco Sansone, 70 anni, mafioso ed estorsore.

Hanno già fatto scalpore le scarcerazioni del boss mafioso palermitano Francesco Bonura, 78 anni, e di Pino Sansone, 70 anni, in attesa di giudizio, costruttore vicino alla mafia corleonese. Su Bonura il magistrato di sorveglianza scrive che può uscire per motivi sanitari non solo suoi ma anche dei familiari conviventi. Li può accompagnare a visite mediche, sedute dentistiche, esami diagnostici.

 

 

LEGGI ANCHE:

Mafia, c’è rischio di contagio: il Decreto Conte scarcera pericolosi boss al 41 bis

Coronavirus, scarcerato un altro boss: “Si dimettano ministro della Giustizia e capo del Dap”

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, Lagalla: “La ‘Santuzza’ offre a Palermo la motivazione per dare di più” CLICCA PER IL VIDEO

Il primo cittadino di Palermo ricorda l’importanza del 400° festino e al di là della valenza storica, coglie ancora una volta di più l’occasione e l’opportunità per motivare i palermitani ad essere persone e cittadini migliori.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.