Condividi

Mafia, sequestrati 210mila euro di beni a Galati Giordano

giovedì 30 Settembre 2021

Carabinieri del Ros di Messina, con il supporto in fase esecutiva del comando provinciale, hanno sequestrato beni per oltre 210mila euro a Vincenzo Galati Giordano, detenuto, accusato di appartenere al clan mafioso dei ‘Batanesi’ di Tortorici, che opera anche sulla fascia Tirrenica. Il provvedimento è della sezione Misure di prevenzione del Tribunale su richiesta della Dda della Procura e trae origine dall’indagine Nebrodi condotta dal Ros.

L’inchiesta aveva documentato come i “Batanesi”, a seguito della disarticolazione della famiglia mafiosa di Barcellona Pozzo di Gotto, avessero progressivamente esteso il loro controllo sul territorio dei Nebrodi e della fascia tirrenica messinese, tessendo rapporti con esponenti del clan Cappello di Catania e con altri esponenti della criminalità organizzata. Tra i reati contestati la commissione di plurime truffe finalizzate all’indebita percezione di rilevanti contributi europei, erogati dall’Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura a sostegno dell’agricoltura e della pastorizia.

Vincenzo Galati Giordano – destinatario il 15 gennaio 2020 di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per associazione mafiosa nell’ambito della citata operazione Nebrodi – è indicato dai carabinieri del Ros come figura di rilievo dei “Batanesi”, tanto da averne retto le fila durante il periodo di detenzione di Bontempo Sebastiano, 52 anni, a capo del gruppo criminale. L’appartenenza al clan, sottolineano i carabinieri del Ros, è, peraltro, sancita dalle sentenze definitive relative alle indagini Mare Nostrum e Montagna. Il sequestro ha riguardato una società agricola utilizzata per l’indebita percezione di contributi economici comunitari erogati dall’Agea, un appartamento, un’autovettura e otto rapporti bancari per un valore complessivo stimato di oltre 210.000 euro.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.