Condividi

Messina, sequestrati beni per 400mila euro a imprenditore alimentare

giovedì 6 Maggio 2021
foto d'archivio

I finanzieri del Comando provinciale di Messina hanno sequestrato circa 400mila euro a un noto imprenditore operante nella distribuzione alimentare, originario di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina).L’operazione, spiegano le fiamme gialle, scaturisce dall’intensificazione dell’azione di contrasto alla criminalità economica.

Le analisi contabili, bancarie e finanziarie, eseguite dagli specialisti delle fiamme gialle del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Messina, su delega della procura, si sono concentrate sul fatto che la società oggetto d’indagine, nonostante la floridità del volume d’affari, da un certo punto in poi, improvvisamente ed inspiegabilmente, manifestasse chiari sintomi di difficoltà finanziarie, con evidenti riflessi sulle somme dovute ai creditori e all’Erario: la società investigata, gravata da una perdita di esercizio per oltre 40 milioni di euro, veniva pertanto ‘lasciata morire’, cedendo il posto ad una ‘new company’, riconducibile, tuttavia, al medesimo importante Gruppo imprenditoriale e operante nel medesimo settore economico.

Successivamente, quindi, i finanzieri, scandagliando i bilanci presentati a partire dal 2014, hanno rilevato “una serie di incongruenze, falsità e rapporti di collegamento tra società nonché valori artefatti nei bilanci al fine di dissimulare uno stato di crisi e di insolvenza”, realizzate attraverso una singolare svalutazione dei crediti intercompany, per oltre 30 milioni di euro.Al noto imprenditore, 57enne, è stato notificato l’avviso di garanzia, in ordine all’ipotesi di reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale, nonché ulteriori ipotesi di reato per omesso versamento dell’Iva e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte. Il gip ha disposto il sequestro della somma di 388mila euro circa, corrispondente all’Iva non versata.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Relazione Antimafia regionale all’Ars, Cracolici: “L’obiettivo è far sentire il fiato sul collo a Cosa Nostra” CLICCA PER IL VIDEO

Il presidente della commissione Antimafia siciliana, Antonello Cracolici, ha presentato all’Ars la relazione sull’attività della commissione a un anno dal suo insediamento

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.