Condividi
centinaia di professionisti part-time

Palermo, dipendenti comunali. Lunedì sit-in tra via Roma e palazzo delle Aquile

venerdì 21 Ottobre 2022
sindacati USb

Dopo l’accelerata delle ultime ore, è previsto per lunedì 24 ottobre alle 10,30 l’incontro alla commissione bilancio del Comune di Palermo con una delegazione del sindacato Usb, che chiede la stabilizzazione dei 2.400 lavoratori part-time.

Alle 9, i dipendenti comunali si riuniranno davanti alla sede della Ragioneria, in via Roma, per poi spostarsi alle 14 a piazza Pretoria, con un sit-in autorizzato dalla Digos. L’obiettivo è avere dal sindaco Lagalla la conferma della volontà dell’amministrazione di risolvere una questione che si trascina dal 1998, come ci ha raccontato qualche giorno fa Marina Pagano, delegata Usb Enti locali Palermo.

Alla commissione presieduta da Fabrizio Ferrara, i lavoratori porteranno le loro proposte per arrivare alla trasformazione dei contratti in full-time. A cominciare dall’aumento del fondo statale e dell’inserimento nel “Patto per Palermo” della copertura finanziaria. Tra le idee del sindacato c’è anche l’istituzione di un fondo speciale per “Stato di Emergenza” ad esaurimento. Fondo che, nelle intenzioni, “dovrebbe essere progressivamente ridotto nel tempo in proporzione ai pensionamenti dei lavoratori che insistono sul fondo stesso”, dice Pagano.

Tra i 2.400 che chiedono garanzie per il loro futuro, ci sono un centinaio di funzionari, con lauree e abilitazioni. Progettisti, avvocati, esperti contabili, che dovrebbero lavorare per 20 ore a settimana, ma che spesso restano in ufficio per chiudere pratiche con straordinari che non vengono pagati. Altri 500 sono gli istruttori contabili e amministrativi, che portano avanti le pratiche. E 1.800 tra cui moltissimi laureati che hanno accettato un contratto da collaboratore perché in quel momento era l’unico a tempo indeterminato.

Nel dettaglio, il sindacato fa notare che “al polo tecnico gli oneri sono bloccati dal 2018. All’avvocatura lavorano dieci professionisti, di cui 5 part time. Cosa che comporta difficoltà per l’amministrazione di difendersi, con conseguente perdita delle cause e aggravio sul bilancio comunale. Al settore rifiuti, invece, i controlli Imu sono fermi al 2017, con risorse che potrebbero essere incassate dal Comune se ci fosse un numero congruo di personale ad occuparsene”.

L’appello è nuovamente al sindaco Lagalla: L’amministrazione si attivi fattivamente con Romadichiarano Pagano e Antonio Di Carlo, Rsu Usb, così da dare risposte alle concrete esigenze dei lavoratori e di conseguenza a tutti i cittadini, erogando i dovuti servizi alla collettività”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, parla il Prefetto Cucinotta: “Tuteleremo fondi Pnrr da infiltrazioni mafiose. E’ un problema nostro” CLICCA PER IL VIDEO

Il Prefetto di Palermo Maria Teresa Cucinotta intervistata a margine dell’iniziativa “Giornata della Trasparenza”, organizzata dall’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale, ha fatto il punto sugli strumenti a disposizione della Giustizia per evitare il rischio di infiltrazioni mafiose sui fondi Pnrr e sulle grandi opere pubbliche

BarSicilia

A Bar Sicilia l’assessore regionale Scarpinato: “Ecco il nostro Turismo 4.0” CLICCA PER IL VIDEO

E’ Francesco Scarpinato, l’ospite della puntata numero 217 di Bar Sicilia. L’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo ha parlato del futuro della Sicilia e dei progetti legati al settore che è considerato il volano dell’economia dell’Isola. A intervistarlo, come sempre, il direttore Marianna Grillo e l’editore Maurizio Scaglione. Scarpinato raccoglie un’eredità importante lasciata dall’ex…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.