Condividi
L'intervista

Palermo, il dipinto con i volti di Giulio e Diego al centro anticrack. Palminteri: “Ci vuole amore e tenacia”

venerdì 31 Maggio 2024
Cerimonia di consegna del dipinto al centro anticrack

“Papà devi contestualizzare”. E’ la frase che campeggia nel dipinto che raffigura Giulio Zavatteri e Diego Mancuso, amici nella vita, accomunati nel triste destino di giovani vittime del crack.

Giulio Zavatteri e Diego Mancuso

Giulio avrebbe compiuto ieri 21 anni ed il padre, Francesco Zavatteri, lo ha voluto ricordare in una cerimonia organizzata nel salone del Centro anticrack di pronto accoglienza dell’Asp di Palermo, in via La Loggia.

Erano, tra gli altri, presenti il Commissario straordinario dell’Azienda sanitaria, Daniela Faraoni, il Direttore sanitario, Franco Cerrito, ed il Direttore della Uoc Dipendenze patologiche, Giampaolo Spinnato, Hanno preso parte, in veste privata, il Procuratore del Tribunale dei Minori, Claudia Caramanna e la responsabile della sede Rai della Sicilia, Roberta De Cicco.

Francesco e Giulio Zavatteri

“Volevamo festeggiare quiha detto Francesco Zavatteridonando il quadro realizzato dal pittore Igor Scalisi Palminteri. L’opera raffigura i volti sorridenti di Giulio e Diego. Abbiamo voluto ricordarli in questo luogo simbolo di un momento di ripartenza. Siamo qui nell’interesse del futuro dei giovani ospiti della struttura”.

Antonio Mancuso e Lara Messina

“Io e i genitori di Diegoafferma Zavatteriabbiamo concordato insieme di donare questa tela al centro di pronta accoglienza. Speriamo che i loro sorrisi possano essere di stimolo per aiutare i ragazzi ad uscire dalla dipendenza”.

 

Centro anticrack Palermo

Dopo un momento di preghiera con il cappellano dell’Ospedale Ingrassia, Don Gioacchino Capizzi, il soprano Chiara Lidia Giacopelli ha cantato due brani. A conclusione della cerimonia, il padre di Giulio e la mamma di Diego hanno ricordato i figli con toccanti parole.

 

Intervista a Igor Scalisi Palminteri

 

“Ho dipinto due ragazzi, Giulio e Diego.dichiara Igor Scalisi Palminteri, autore del quadroDentro questi volti ci sono quelli di tutti i miei fratelli e le mie sorelle che si perdono dentro il crack, una droga devastante che sta rovinando i nostri figli ma interessa tutte le generazioni. Purtroppo è una droga che costa pochissimo ed è facilmente accessibile, è una sostanza che tocca qualsiasi ceto o classe sociale, ricchi e poveri, giovani e vecchi. In quei volti che ho ritratto si possono rivedere gli occhi di tutte quelle persone che sono emarginate, che hanno avuto un difficile trascorso di vita”.

Igor Scalisi Palminteri

L’artista continua: “E’ importante che la società si accorga di loro e si attivi, perché è fondamentale che lo Stato continui ad investire su progetti e strutture ma soprattutto su professionisti del settore dei centri di ascolto e accoglienza che, t

alvolta, sono sottopagati. Servono educatori che sappiano cosa sia la strada e che sappiano parlare con i ragazzi che hanno questo tipo di problemi. Bisogna mettere sul tavolo idee concrete che abbiano la capacità di coinvolgere la società e di entrare con potenza nelle periferie. Il crack non è la causa del problema ma solo la fase finale di un processo che nasce dal disagio e che deve vedere tutti gli attori coinvolti a dialogare e collaborare attivamente”.

Quella del crack non è solo un emergenza, ma qualcosa di ormai radicato: è necessario stare accanto alle famiglie che spesso non sanno cosa fare. Dall’altro lato ci vuole amore, e non giudizio, per queste persone che si perdono. E’ la mancanza di amore che ci sta fottendo. L’amore per il prossimo, per la gente, per il lavoro, per i nostri quartieri. Manca la devozione alla comunità, che va costruita pian piano. Basta proclami e eventi, serve vita vera!”conclude Palminteri.

 

Articolo di Samuele Arnone e Joska Arena

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.