Condividi

Palermo, in piazza i collaboratori scolastici LSU licenziati | FOTO

lunedì 8 Ottobre 2018
collaboratori-scolastici-licenziati

SCORRI LA FOTOGALLERY IN ALTO

Sono scesi in piazza i collaboratori scolastici LSU della provincia di Palermo licenziati nelle scorse settimane dal Ministero dell’istruzione perché idonei, ma non vincitori, del concorso a loro riservato che si è svolto questa estate. Si tratta di circa 150 dei 519 lavoratori entrati nei decenni scorsi nel mondo della scuola attraverso le cooperative.

Per la loro stabilizzazione il governo Gentiloni aveva messo a disposizione, con un accordo sottoscritto dalle organizzazioni sindacali, 350 posti, poi ridotti per motivi di budget a 305 dal Ministero dell’economia e delle finanze.

Di questi 519 una sessantina circa sono stati esclusi dal concorso perchè non avevano i titoli necessari alla partecipazione, come ad esempio l’anzianità di servizio o la fedina penale pulita. Quelli che non sono riusciti a piazzarsi tra i 305, invece, sono stati inseriti all’interno di un bacino riservato dal quale l’amministrazione può attingere in caso di necessità. I sindacati però incalzano. Sia i Cobas che la Uil chiedono l’applicazione dell’accordo, integrando immediatamente i 45 posti tagliati, e l’intervento degli Enti locali (Regione, Città Metropolitana e Comuni) per garantire anche i lavoratori dell’albo negli asili nido.

A questo proposito il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, si era detto favorevole, a patto che lo Stato trasferisse le risorse necessarie. La disponibilità del primo cittadino, però, è ostacolata tra l’altro dal blocco delle assunzioni. Tuttavia l’interlocuzione col Miur per trovare una soluzione continua.

Il prossimo 7 novembre si terrà un tavolo a Roma. “Siamo pronti a collaborare nell’interesse dei lavoratori”, dicono Gianni e Danilo Borrelli della Uil Sicilia. “Completare il percorso di stabilizzazione di tutti i collaboratori scolastici è fondamentale. Loro svolgono servizi essenziali nelle scuole di Palermo. Per questo apprezziamo l’impegno del sindaco Orlando che ha richiesto, dopo un confronto costante con questo sindacato, un tavolo di confronto al Miur”.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Da donna Sarina c’è Nino Alibrandi (Cisl), il sindacalista operaio figlio di vittima di mafia: “Messina ha perso la memoria” CLICCA PER IL VIDEO

Il segretario generale della Cisl di Messina si racconta a donna Sarina. Nato in periferia, operaio metalmeccanico, il papà è stato ucciso della mafia

BarSicilia

Bar Sicilia, Raoul Russo zittisce il pettegolezzo: “Matrimonio solido tra FdI e Schifani” CLICCA PER IL VIDEO

Partito da Roma, arriva a Bar Sicilia Raoul Russo, intervistato da Maurizio Scaglione e Maria Calabrese. Il senatore palermitano, che siede tra le fila del partito di Giorgia Meloni, è stato nominato come componente della Commissione bicamerale Antimafia.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.