Condividi
Il fatto

Palermo, minacce di morte sui social a Enrico Rizzi: aveva denunciato l’abusivismo nelle carrozze per i turisti

mercoledì 29 Maggio 2024
Enrico Rizzi

Un messaggio fin troppo esplicito, così come altri ve ne sono stati nel recente passato: Rizzi da lì non esci vivo”. La minaccia, ricevuta via social, è arrivata da una persona di Palermo appena poche ore dopo che Enrico Rizzi aveva diffuso un comunicato ove denunciava la grave situazione a Palermo dei cavalli che trainano le anacronistiche carrozze per i turisti.

foto di repertorio

“Avevo evidenziato come due carrozze su tre  che ieri stazionavano in piazza Verdi, fossero prive della targa che per legge deve essere rilasciata dal Comune di Palermo, pertanto abusive, mentre in un antecedente comunicato che faceva seguito a segnalazioni di turisti, denunciavo come nei pressi del porto alcuni cavalli erano stati legati ai pali dell’illuminazione pubblica, di fatto fermati sulle strisce pedonali e anche in curva. Chi mi minaccia – ha dichiarato Enrico Rizzi – con tutta evidenza non mi conosce, di certo non mi fermerò“.

Rizzi, attivista da oltre venti anni per i diritti degli animali e commissario del Dipartimento tutela animali e lotta alle zoomafie di Sud chiama Nord, aveva più volte invitato il Prefetto di Palermo a intervenire visto le situazioni anche potenzialmente pericolose che in più occasioni si sono verificate a causa dei cavalli sfruttati per il turismo. In ultimo l’animale che lo scorso 11 maggio si era imbizzarrito in corso Vittorio Emanuele, percorrendo in folle corsa l’asse viario e causando danni.

Avevo chiesto al Prefetto – ha aggiunto Rizzi – cos’altro occorresse a Palermo per porre fine all’uso, decisamente ottocentesco, dei cavalli; non credo vi sia stata risposta. Ora pure la minaccia, come già altre volte è successo, come quando sono stato inseguito in strada da un cocchiere decisamente alterato proprio perché avevo segnalato nello stesso posto di ieri, alcune carrozze prive della targa. Evidentemente la città non risolve i problemi di recidività e le vecchie abitudini sono dure a morire”.

Rizzi, proprio a seguito delle intimidazioni e delle minacce ricevute è soggetto a tutela di polizia. Tra gli argomenti più volte denunciati le corse di cavalli e i combattimenti tra cani.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

“Sicilia ad Assisi”, l’evento che unisce la Regione e la Chiesa per offrire l’olio sulla tomba di San Francesco CLICCA PER IL VIDEO

La Sicilia è stata scelta per offrire l’olio che alimenta la lampada votiva che arde giorno e notte ad Assisi, sulla tomba di San Francesco, patrono d’Italia. Si è svolta proprio questa mattina a Palazzo d’Orléans, a Palermo, l’incontro con il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e il sindaco di Palermo Roberto Lagalla.

BarSicilia

Bar Sicilia, Giovanni Arena Cavaliere del lavoro: una storia siciliana

Una storia siciliana. Di quelle importanti. Per la semplicità con cui partono e il traguardo che raggiungono, ma soprattutto per il modo in cui avvengono.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.