Condividi

Parte dei beni confiscati ritornano agli Agrò. La Corte d’Appello capovolge il giudizio di primo grado

venerdì 27 Gennaio 2017

Svolta decisiva nell’indagine che vede i due anziani fratelli di Racalmuto, Ignazio e Diego Agrò (78 e 70 anni), accusati di avere concluso loschi accordi con boss di Cosa Nostra negli anni ’90. I giudici della Sezione misure di prevenzione della Corte d’Appello di Palermo hanno revocato la confisca di una parte dei beni dell’impero commerciale dei due fratelli su smercio e produzione dell’olio alimentare.

Accolto quindi il ricorso dei legali difensori dei due fratelli, gli avvocati Salvatore Pennica, Angelo Mangione e Antonino Mormino. “II provvedimento di primo grado valorizzava degli indizi, che sono stati inceneriti dalle sentenze di assoluzione“, dichiara Pennica.

La confisca di beni pari a 54 milioni di euro avvenne due anni fa, proposta dal procuratore aggiunto di Palermo Bernardo Petralia, quando i due imprenditori, già condannati all’ergastolo nel 2007 con l’accusa di essere mandanti di omicidio di mafia e poi assolti in appello, vennero considerati vicini ad ambienti mafiosi; confisca che venne poi eseguita dalla Dia di Agrigento.

Nel 1992 venne infatti assassinato Mariano Mancuso, titolare di un market di Milena, e – in seguito alle dichiarazioni del pentito Maurizio Di Gali – i fratelli Agrò vennero accusati di essere mandanti dell’omicidio, commesso dal capo mafia Salvatore Fragapane.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Catania, truffa sui carburanti: 13 indagati e sequestro beni da 25 milioni CLICCA PER IL VIDEO

I sequestri sono stati eseguiti nelle province di Catania, Palermo, Enna, Catanzaro e Reggio Calabria. L’indagine, condotta dalle unità dei gruppi Tutela finanza pubblica del nucleo Pef della Guardia di finanza di Catania e Operativo regionale antifrode dell’Adm ha riguardato due distinti gruppi.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.