Condividi

“Pasta Tricolore”, il 2 giugno è festa anche per il palato [La ricetta]

sabato 1 Giugno 2019
Pasta Tricolore

Il 2 giugno è la Festa della Repubblica italiana, che si celebra in questa giornata perché,  tra il 2 e il 3 giugno 1946, si tenne il referendum con cui gli italiani scelsero di far diventare l’Italia una Repubblica costituzionale, abolendo la monarchia dei Savoia, (anche se molti ancora oggi sospettano di brogli, parlando di “pacchi di fogli già compilati con la croce per la Repubblica”), e noi abbiamo deciso di proporvi la “Pasta Tricolore“-

E’ una giornata importante, ricca di iniziative e cerimonie ufficiali che prevede la deposizione di una corona d’alloro, presso l’Altare della Patria, al Milite Ignoto, simbolo di tutti i caduti in guerra e che non sono mai stati riconosciuti; una parata militare alla presenza delle più alte cariche dello Stato, tra cui il Presidente della Repubblica, il Presidente del Consiglio e i Ministri e che ha uno dei suoi momenti più spettacolari nell’esibizione delle Frecce Tricolori: dieci aerei, di cui nove in formazione e uno solista, che compongono la pattuglia acrobatica più numerosa del mondo.

Eccovi la nostra ricetta, tanto buona quanto facile.

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 g di fusilli
  • pomodorini
  • aglio
  • basilico
  • mozzarella
  • pesto
  • olio extravergine
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Procedimento:

1.In una padella fate imbiondire l’aglio con un filo d’olio extravergine, versate i pomodorini tagliati a metà e condite di sale e pepe.

2.Per il pesto scegliete se farlo o, essendo un giorno di festa, comprarne uno già pronto, in commercio ce n’è di buonissimi.

3. Lessate i fusilli in acqua bollente e salata e, appena cotti, preparate il vostro piatto come se fosse la bandiera italiana: una parte di fusilli li condirete con il pesto e le foglie di basilico, un’altra con la mozzarella tagliata a dadini e un’altra ancora col sugo rosso dei pomodorini.

Il nostro primo tricolore è pronto da mangiare.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Decreto “svuota-carceri”, Pino Apprendi: “L’urlo dei detenuti, che la pena sia umana” CLICCA PER IL VIDEO

Con Pino Apprendi, garante dei detenuti del Comune di Palermo abbiamo analizzato e valutato in base all’esperienza delle carceri palermitane il Dl 92/2024, approvato dal Consiglio dei Ministri il 3 luglio 2024 in risposta all’emergenza carceraria.

BarSicilia

Bar Sicilia, i beni culturali fonte di reddito per l’Isola. Malfitana: “Sviluppare opportunità di lavoro per i nostri giovani” CLICCA PER IL VIDEO

E’ importante creare una sana sinergia tra il pubblico e il privato per mettere a frutto tutte le potenzialità dei nostri beni culturali

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.