Condividi

Pro Vercelli-Palermo 0-0.”Cambiamo tutto per non cambiare niente !”

sabato 24 Febbraio 2018

Pro Vercelli-Palermo 0-0

Nel romanzo Il Gattopardo si legge testualmente in questa forma «Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi» (chi pronuncia la frase non è il principe di Salina ma suo nipote Tancredi).

E così oggi il pareggio del Palermo vale quanto una sconfitta ed è una occasione ancora una volta perduta ma che come documentiamo non parte dalle ultime tre sconfitte consecutive ma già dalla partita con Empoli e Foggia e proseguita per tutta la prima parte del campionato.

Prima delle 3 sconfitte erano almeno 15 i punti persi e che mancavano al Palermo a causa di scelete scellerate e del non gioco e delle paure trasferite in campo al punto da giocare come oggi solo per non perdere o non prendere gol anzichè giocare per vincere ora si perde il conto ma sono almeno 20 i punti persi.

Se rivedete i nostri precedenti articoli che provocatoriamente abbiamo chiamato lezioni o suggerimenti potrete verificare che nulla di quel che serve per vincere viene fatto fare a causa di scelte tattiche sbagliate , giocatori fuori ruolo, altri con le ali tarpate , nessun passaggio smarcante , nessun taglio, nessun cross, nessun inserimento verticale a bucare la difesa … solo il niente …il nulla come lo zero dei gol o lo zero che meritano queste scelte che ci penalizzano ormai già da inizio campionato.

Ripetiamo ancora abbiamo l’organico più forte della serie B ma è messo male, sfruttato peggio ed i tanti infortuni già dal ritiro dimostrano che i problemi non sono solo quelli del sabato.

 

 

La saggezza antica che condividiamo ci racconta che “Errare humanvm est, perseverare autem diabolicvm” frase che tradotta letteralmente significa “commettere errori è umano, ma perseverare (nell’errore) è diabolico”.

E dice bene un’altro proverbio, che per me sono perle di saggezza della vita, ‘Il medico pietoso fa la piaga puzzolente’.

Per cui caro Presidente fidati del tuo istinto e ti raccomando senza ascoltare sirene slave , che sono state solo cattive consigliere, ed intervieni subito e non farti prendere in giro anche da chi critica adesso qualcuno che invece ha fatto bene e ti ha dato un organico completo e competitivo ed i risultati si vedrebbero solo se giocassero nei loro ruoli naturali, con il modulo più adeguato , mettendo in campo non i protetti ma dando spazio ai nuovi che con alcuni della vecchia guardia sono in grado di fare finalmente decollare questa squadra che può tranquillamente chiudere il campionato già da martedì con tutte vittorie consecutive.

 

 

Oggi era tutto sbagliato praticamente è stato uno zero assoluto. ha distrutto la fantasia , la voglia di inventare , di fare una giocata vincente, la capacità di andare avanti per cercare il gol e la vittoria e per chi non ci crede lo ripetiamo ancora vada a riguardare la partita e diteci una occasione da gol o una palla gol data a Nestorovski …. nessuna e così non si va da nessuna parte.

E detto questo siccome non si può essere autolesionisti martedì ci vorrebbe lo stadio tutto esaurito con tutti i tifosi che diventano protagonisti della partita pronti a fischiare e fare “buuuuu” ad ogni passaggio indietro o laterale ed applausi e cori di incitamento per ogni passaggio in avanti , assist, cross, taglio verticale, lancio dalla difesa forse così sarebbe più chiaro quel che di sbagliato sono costretti  a fare i giocatori in campo che ovviamente non sono i destinatari del messaggio sonoro.
Ci dispiace non riuscire a capire perchè in ritiro hanno lavorato in questa direzione e poi si è passati al modulo del gambero che al Palermo è costato la retrocessione. Bortoluzzi arrivò troppo tardi ma ebbe il tempo di dimostare che i giocatori se messi nei loro ruoli giusti e con il modulo corretto giocavano bene ed il Palermo era tornato a fare punti e con lui facendo un rapporto punti fatti e partite da giocare se avesse allenato fin dall’inizo avrebbe portato il Palermo a chiudere intorno ai 60 punti con gli stessi giocatori e quindi altro che retrocessione , saremmo andati nelle Coppe … ma si prolungò l’agonia ed i risultati li abbiamo visti.

Ricordate da martedì per ogni passagio laterale od indietro tutti a fare …. e chiariamo subito che non rigurada minimamente i giocatori in quel momento ma quel che sono costretti a fare ….

 

Non sappiamo più cosa fare e dire o scrivere per aiutare i giocatori e la società ad invertire questa rotta che porta verso ….. Schettino vi ricorda nulla ? e dire che oggi era tutto in discesa perchè l’Empoli ha pareggiato ed il Frosinone ha perso . Dovevamo “solo” giocare per vincere !!!

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Ragusa, pista di atletica da 1,5 miliardi di lire nel degrado: mai utilizzata CLICCA PER IL VIDEO

L’ennesima cattedrale nel deserto. Ce l’avete segnalata voi, attraverso il numero WhatsApp 378.083 5993. È la pista di atletica di contrada da Montecalvo, a Vittoria, in provincia di Ragusa.

BarSicilia

Bar Sicilia, intervista esclusiva al Presidente dell’Ars Galvagno: “Cinque anni per cambiare la Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Il protagonista della puntata speciale numero 216 di Bar Sicilia è Gaetano Galvagno. Il neo presidente dell’Assemblea Regionale Siciliana ci ha accolti a Palazzo dei Normanni e, intervistato dal direttore Marianna Grillo e dall’editore Maurizio Scaglione, ha molto parlato di politica, di obiettivi e impegni comuni per il futuro della Sicilia. Galvagno ha risposto anche…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.