Condividi

Processo Ciancimino, il teste non si presenta: “Faccio il nonno, sono libero solo la domenica”

sabato 19 Novembre 2016

I giudici di Caltanissetta lo hanno atteso invano la mattina del 16 novembre. Ma Donnino Rosso Di Vita, testimone nel processo per calunnia aggravata contro Massimo Ciancimino, non si è presentato. Perché è impegnato a fare il “nonno”. Un impegno a tempo pieno da cui discenderebbe un legittimo impedimento di natura familiare. Così Di Vita ha cercato di schivare la sua presenza in aula. E per comunicare la sua assenza al processo ha fatto sapere di accudire il nipote a tempo pieno. Ed ha aggiunto, a mo’ di provocazione, di poter venire in aula “solo la domenica, quando le scuole sono chiuse”.  Non l’ha presa per nulla bene il pm Stefano Luciani. Che ha  replicato a muso duro: “Non ritengo sia una giustificazione.. Non ha capito che si trova (il teste, ndr) dinanzi a un Tribunale e non ad una festa di un compagniuccio del nipote”. E per queste ragioni ha chiesto l’accompagnamento coattivo del teste. Tesi condivisa dal Giudice che ha stabilito l’assenza ingiustificata del teste perché “la giustificazione addotta dal medesimo, ovvero quella di attendere alle mansioni di accudimento dei nipoti non può costituire impedimento valido”. E così, nipote o non nipote, Donnino Rosso Di Vita, si dovrà presentare in aula all’udienza del prossimo 21 dicembre. I Carabinieri sono già allertati per un accompagnamento coattivo. Ma chi è il personaggio autore di questo surreale “legittimo impedimento”. La storia è di quelle delicate. Donnino sarebbe l’intestatario di una delle sim card utilizzate da Massimo Ciancimino. Quelle schede telefoniche proverebbero i contatti con il “Signor Franco”, il misterioso uomo dei Servizi Segreti legato a Vito Ciancimino. Insomma, siamo nel cuore della Trattativa. Come esce fuori il nome di Donnino? Ce lo ricorda un articolo di Fabrizio Colarieti: “Interrogato il 12 dicembre del 2008 dai pm palermitani, Antonio Ingroia e Antonino Di Matteo «Possiamo trovare traccia di contatti telefonici tra lei e il signor Franco diretti?», chiedono i due pm a Ciancimino, che un attimo dopo risponde: «Sì, se potevo avere le carte sim. In quell’occasione mi furono sequestrate 3 sim ora dovrebbe esserci pure questa sim di cui vi avevo già parlato, dell’utenza telefonica 335/****** intestata a Donnino Rosso Di Vita, mio amico».  Ma ora Donnino fa il nonno a tempo pieno, chissà cosa ricorderà di quelle sim.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Palermo, parla il Prefetto Cucinotta: “Tuteleremo fondi Pnrr da infiltrazioni mafiose. E’ un problema nostro” CLICCA PER IL VIDEO

Il Prefetto di Palermo Maria Teresa Cucinotta intervistata a margine dell’iniziativa “Giornata della Trasparenza”, organizzata dall’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale, ha fatto il punto sugli strumenti a disposizione della Giustizia per evitare il rischio di infiltrazioni mafiose sui fondi Pnrr e sulle grandi opere pubbliche

BarSicilia

A Bar Sicilia l’assessore regionale Scarpinato: “Ecco il nostro Turismo 4.0” CLICCA PER IL VIDEO

E’ Francesco Scarpinato, l’ospite della puntata numero 217 di Bar Sicilia. L’assessore regionale al Turismo, Sport e Spettacolo ha parlato del futuro della Sicilia e dei progetti legati al settore che è considerato il volano dell’economia dell’Isola. A intervistarlo, come sempre, il direttore Marianna Grillo e l’editore Maurizio Scaglione. Scarpinato raccoglie un’eredità importante lasciata dall’ex…

La Buona Salute

La Buona Salute 60° puntata: Re.O.S. – Rete Oncologica Siciliana

La 60^ puntata de La Buona Salute è dedicata al progetto REOS, la rete oncologica siciliana, una realtà ormai concreta e una eccellenza siciliana per le patologie tumorali

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.