Condividi
La classifica

Qualità della vita 2023, Sicilia fanalino di coda per bambini, giovani e anziani

martedì 20 Giugno 2023

È finalmente pubblica la nuova indagine sulla “Qualità della vita” del Sole 24 Ore, ma i risultati in Sicilia, purtroppo, ancora una volta non sono dei più felici. La classifica, stlata in base a a tre differenti fasce d’età –  i bambini (0-14 anni), i giovani (18-35) e gli anziani (over 65), fotografa un quadro davvero sconsolante per la nostra isola.

Ancora una volta le province del Nord dimostrano di avere tutt’altro passo a confronto di quelle del Sud. Il meridione infatti occupa quasi tutte le posizioni più basse della classifica, piazzandosi a metà e quasi mai tra i primi dieci posti in Italia.

Bambini (0-14 anni)

La prima parte della classifica è dedicata ai bambini, ed al primo posto in Italia vede la provincia di Siena che detiene il maggior numero di pediatri attivi ogni mille residenti tra gli 0 e i 14 anni. Negli ultimi 5 posti invece si piazzano due province siciliane: Agrigento alla 103° posizione e Trapani alla 105° su un totale di 107. Sono stati valutati diversi parametri: pediatri, asili nido, spazio abitativo, spesa per servizi e interventi sociali, competenza numerica non adeguata, competenza alfabetica non adeguata, edifici scolastici con palestra, retta mensa scolastica, giardini scolastici, verde attrezzato, indice sport e bambini, delitti a danno di minori.

Fortunatamente alcune delle nostre province sono riuscite a piazzare dei buoni risultati a livello nazionale. I migliori risultati in Sicilia, nei diversi parametri, li guadagna Enna che conta zero denunce per delitti contro i minori guadagnando un 6° posto in Italia, Agrigento con 49 mq di verde attrezzato per bambini al 20° posto e Messina che conta 4 pediatri ogni mille residenti tra gli 0 e i 14 anni addirittura al 4° posto.

Poco da festeggiare invece per la provincia di Agrigento che si piazza addirittura all’ultimo posto in Italia per quanto riguarda il servizio mense scolastiche. Stesso risultato per Palermo con 0 mq di verde attrezzato per bambino è in fondo alla classifica nazionale.

Giovani (18-35 anni)

Gli indicatori presi in considerazione per questo target sono: residenti giovani, quoziente di nuzialità, età media del parto, canone di locazione (in percentuale al reddito), laureati, disoccupazione giovanile, soddisfazione per il proprio lavoro, giovani che non lavorano e non studiano, bar e discoteche (ogni 10.000 residenti tra i 18 e i 35), concerti, aree sportive e amministratori comunali under 40. Anche qui la Sicilia è rimandata al prossimo anno ma con un’unica eccezione. Enna si piazza infatti quasi a metà classifica, al 58° posto. Prima in Italia per residenti giovani, concerti e aree sportive è invece Ravenna.

I risultati migliori in Sicilia li guadagna la provincia di Siracusa prima in Italia per età media del primo parto: 31 anni contro i quasi 34 di Potenza (che è ultima in Italia). Agrigento ottiene un 4°posto per quoziente di nuzialità con 4 matrimoni ogni 1000 abitante e un 2° per amministratori comunali under 40 (38%). La provincia di Enna guadagna un 2° posto grazie ad un elevato grado di soddisfazione dei giovani per proprio posto di lavoro. Caltanissetta, a sorpresa, è 42° per concerti a livello nazionale.

Al limite del tragico sono invece alcuni dei risultati della classifica per la nostra isola. I peggiori in Sicilia sono quelli di Agrigento che guadagna l’ultimo posto in classifica per disoccupazione giovanile (40% della popolazione giovane), Palermo con 86 bar e discoteche ogni 10.000 residenti è sempre ultima in Italia (al 107° posto), preceduta da Catania che è al 106° posto con 88 bar e discoteche ogni 10.000 residenti.

Anziani (over 65)

Gli indicatori per la popolazione over 65 sono la presenza di infermieri, speranza di vita a 65 anni, persone sole anziane over 65, assistenza domiciliare, trasporto anziani e disabili, consumi di farmaci per malattie croniche, consumo di farmaci per la depressione, posti letto nelle rsa, geriatri attivi ogni 10.000 residenti over 65, orti urbani, biblioteche e gli esposti per inquinamento acustico. Catania conquista il 41° posto nazionale per la qualità della vita degli anziani, risultando però la prima in Sicilia. Segue poi Ragusa al  52° posto. Ultima in classifica tra le province siciliane Messina con la sua 104° posizione.  Al primo posto in Italia c’è ancora una volta una provincia del nord. Trento infatti è la città italiana che offre le maggiori speranze di vita.

Qualche buon risultato però la Sicilia anche qui lo riesce ad ottenere. Catania è infatti al 5° posto per quanto riguarda il trasporto degli anziani, grazie ad una spesa degli enti pubblici di 31 euro pro capite. Segue Palermo all’8° posto, spendendo 18 euro ad individuo.

Tra i peggiori risultati in Sicilia invece troviamo Messina, con una penultima posizione in Italia per posti letto in rsa (solo 1 ogni 1000 over 65), Ragusa, con 2 biblioteche ogni 100.000 abitanti over 65, è al 106° posto in Italia. Enna è 104° per vendite di farmaci per le malattie croniche (236). Ultimo classificata per speranza di vita è Siracusa.

Questo articolo fa parte delle categorie:
Condividi
ilSiciliaNews24

Il prefetto di Agrigento e Arpa: “Collaboriamo per garantire l’ordine delle discariche in Sicilia” CLICCA PER IL VIDEO

Una riunione operativa con lo scopo di chiarire quali sono gli eventuali interventi da suggerire alla Regione per agevolare la rimozione dei pericoli per l’ambiente

BarSicilia

Bar Sicilia, Dipasquale (Pd): “Fronte compatto contro il governo Schifani” CLICCA PER IL VIDEO

Due volte sindaco di Ragusa e deputato regionale del Pd, all’Ars dal 2012, Nello Dipasquale, è ospite questa settimana a Bar Sicilia.

La Buona Salute

La Buona Salute 63° puntata: Ortopedia oncologica

La 63^ puntata de La Buona Salute è dedicata all’oncologia ortopedica. Abbiamo visitato l’Ospedale Giglio di Cefalù, oggi punto di riferimento nazionale

Oltre il Castello

Castelli di Sicilia: 19 ‘mini guide’ per la sfida del turismo di prossimità CLICCA PER IL VIDEO

Vi abbiamo accompagnato tra le stanze di 19 splendidi Castelli di Sicilia alla scoperta delle bellezze dei territori siciliani. Un viaggio indimenticabile attraverso la storia, la cultura, l’enogastronomia e l’economia locale, raccontata dai protagonisti di queste realtà straordinarie.